Skin ADV

Elezioni politiche, il centrodestra ligure costretto alla pace con Toti per non perdere tutto

Una riunione del centrodestra ligure di qualche mese fa

Oggi pomeriggio, Giovanni Toti e i suoi si riuniranno per valutare insieme le possibili alleanze in vista delle politiche del 25 settembre.

Il movimento del governatore ligure, ‘Italia al centro’, ha due possibilità: restare (o rientrare) nel centrodestra a trazione Meloni oppure andare in quel centro che ormai sta per nascere e che però guarda a sinistra.

I leader del centrodestra ligure stanno aspettando con apprensione la decisione dei totiani, perché senza ‘Italia al centro’ rischierebbero di perdere tutti i 6 seggi uninominali, 4 alla Camera e 2 al Senato, destinati alla Liguria. E la partita diventerebbe difficile anche nei restanti 9 collegi, 6 alla Camera e 3 al Senato, plurinominali. Il tutto a vantaggio del centro-sinistra.

In caso di accordo Toti-centrodestra, i 6 collegi uninominali andrebbero così ripartiti: 2 Lega, 2 Fratelli d’Italia, 1 Forza Italia e 1 Italia al centro. La partita resterebbe aperta invece nei plurinominali.

Più tranquilla la posizione di Toti che, probabilmente, riuscirebbe a mantenere il seggio anche unendosi con il centro-sinistra. In questo caso però gli alleati, Bagnasco, Rixi e Rosso, potrebbero rendergli difficile la vita in Regione nei prossimi tre anni di legislatura.

Quale sarà la prossima mossa di Toti, darà scacco matto al centrodestra?

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip