Skin ADV

Regione Liguria, firmato il protocollo d’intesa contro le discriminazioni di genere sul lavoro

Laura Amoretti, consigliera di Parità di Regione Liguria

E' stato firmato oggi, alla presenza dell'assessore regionale al Lavoro, Gianni Berrino, e dell'assessore regionale alle Pari Opportunità, Simona Ferro, un protocollo d'intesa, promosso attivamente dall’Ispettorato Territoriale di Genova, tra l’Ispettorato Interregionale del Lavoro per il Nord Ovest e la consigliera di Parità di Regione Liguria Laura Amoretti.

Obiettivo del documento è garantire una comunicazione tempestiva di eventuali situazioni discriminatorie, anche collettive, riscontrate durante le ispezioni effettuate o di cui si è venuti a conoscenza tramite l’Ufficio relazioni con il pubblico o mediante apposita segnalazione. La consigliera regionale di Parità si impegna a sensibilizzare le sue omologhe territoriali affinché segnalino ai competenti Ispettorati del lavoro di Genova, Savona, Imperia, La Spezia le violazioni delle norme antidiscriminatorie nonché di quelle volte a disciplinare il rapporto di lavoro, di cui siano venute a conoscenza in occasione dello svolgimento del proprio mandato. Inoltre, in caso di vertenze individuali (ex art. 410 codice di procedura civile) che vedano coinvolte, come parte ricorrente, donne che ritengono di avere subito discriminazioni di genere, molestie e violenze, gli Ispettorati territoriali della Liguria si impegnano ad informare le lavoratrici che, su richiesta delle medesime, potrà essere attivata una collaborazione con la consigliera di Parità regionale, che provvederà, previa valutazione, a demandare le stesse alle consigliere di Parità del territorio di competenza.

Il protocollo prevede inoltre che l’Ispettorato Interregionale per il Nord Ovest del Lavoro fornisca alla consigliera regionale di Parità i dati annuali relativi all’attività svolta in Liguria in materia di discriminazioni di genere nei luoghi di lavoro e alle convalide delle dimissioni o risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro delle lavoratrici madri o dei lavoratori padri che confluiranno periodicamente nell’Osservatorio di Genere gestito da Alfa Liguria.

L'Ispettorato e la consigliera di parità, infine, si impegnano a promuovere momenti di approfondimento e studio che coinvolgano il proprio personale allo scopo di rafforzare competenze, conoscenze e metodologie di intervento e di valutazione nell’ambito delle azioni antidiscriminatorie e di tutela e promozione della parità e pari opportunità nei luoghi di lavoro con la possibilità di realizzare conferenze, seminari o convegni.

“La firma di questo protocollo rappresenta un altro importante traguardo che dà un nuovo impulso alla consolidata ed importante collaborazione con l’Ispettorato del Lavoro volta a favorire e promuovere il pieno rispetto della parità di genere nel mondo del lavoro. Inoltre diventa strumento di tutela delle lavoratrici e dei lavoratori contro le discriminazioni di genere, fondamentale per intervenire con provvedimenti specifici, sempre coordinati nell’ambito delle proprie competenze. Rappresenta infine l’opportunità di avere flussi continui e periodici di informazioni e la disponibilità di tutti i dati che confluiranno periodicamente nell’Osservatorio di Genere", afferma Laura Amoretti, consigliera di Parità della Regione Liguria.

"Con il documento firmato oggi si vogliono attivare, tra le altre, tutte le azioni di contrasto alle discriminazioni, con particolare riferimento al ruolo genitoriale di lavoratori e lavoratrici. Spesso, pur di mantenere un lavoro che garantisca uno stipendio, tanti lavoratori, soprattutto donne, sono costretti a subire situazioni spiacevoli e inaccettabili al giorno d'oggi: Regione Liguria rifiuta queste situazioni e sta attivando ogni mezzo per contrastarle e debellarle", aggiunge l'assessore regionale al Lavoro.

“Prosegue il lavoro dell’ufficio della consigliera di Parità di Regione Liguria che, grazie a questo nuovo accordo, consentirà un ulteriore miglioramento nel monitoraggio delle situazioni di discriminazione e di violenza sui luoghi di lavoro. Protocolli di intesa come questi, così come tutte le attività di interscambio, sono preziosi perché aumentano le conoscenze e le competenze di chi si deve confrontare con situazioni di abuso o di violenza psicologica nel mondo lavorativo. Poter ricevere e dare informazioni corrette oltre che puntuali significa aumentare l’efficacia delle attività di contrasto alla disparità sui luoghi di lavoro. L’azione di Regione Liguria e la sinergia con il collega Gianni Berrino e la dottoressa Laura Amoretti consentono di proseguire su una strada virtuosa come quella intrapresa per garantire l’attuazione delle politiche a tutela delle pari opportunità”, dichiara l’assessore regionale alle Pari Opportunità.

”Questo protocollo è il frutto della fattiva sinergia tra la consigliera di Parità della Regione Liguria ed è, per l’Ispettorato del lavoro di Genova in particolare che tanto si è impegnato per raggiungere questo obiettivo, una grande responsabilità perché nel rispetto delle rispettive funzioni istituzionali, ci impegneremo a favorire la piena applicazione della normativa volta a garantire la parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l’accesso al lavoro, la formazione, la promozione professionale e le condizioni di lavoro, anche attraverso un attento monitoraggio dei diversi fenomeni che dovessero evidenziare situazioni di squilibrio di genere, in collaborazione con le altre Direzioni interregionali e territoriali del lavoro, per poi poter, insieme, promuovere ogni iniziativa utile per eliminare queste storture”, dichiara Laura Notarianni, responsabile Processo Servizi all’utenza Ispettorato Territoriale del Lavoro di Genova.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip