Skin ADV

Notizie

#Liguriadabaciare, al via la campagna social che racconta la regione attraverso foto e storie d'amore

Super User 06 Febbraio 2024 356 Visite

Dalla spiaggia dell’Arenella, a pochi passi dal Teatro Ariston, passando per i maxi schermi di Casa Sanremo, fino alla 'Cartolina' del regista Fausto Brizzi che verrà trasmessa questa sera su Rai 1 nel corso del festival. Regione Liguria dà così il via, oggi, alla campagna di promozione del territorio #Liguriadabaciare. Dopo il casting per la 'Cartolina' che aveva visto la partecipazione di oltre 100 coppie, il tema del bacio continua a conquistare Sanremo e la Liguria grazie a una nuova campagna social che invita le persone a raccontare il loro più bel bacio dato o ricevuto sullo sfondo della Liguria. In occasione del giorno di San Valentino, le storie più romantiche verranno proiettate il 14 febbraio sul maxischermo in piazza De Ferrari a Genova.

Non solo racconti: le iniziative prevedono inoltre la pubblicazione sui canali de La Mia Liguria dei migliori selfie scattati dagli utenti all'interno delle cornici #Liguriadabaciare e posizionate in diversi luoghi della regione. La prima tappa è, proprio in occasione del festival, a Sanremo, sulla spiaggia dell'Arenella in corso Trento Trieste 2. La cornice resterà nella Città dei fiori accanto al mortaio gigante della parallela campagna #Pesto, Masterpiece of Liguria fino al 10 febbraio, mentre dal 14 febbraio, giorno di San Valentino, si sposterà a Genova per poi raggiungere altre location simbolo della Liguria.

"La campagna #Liguriadabaciare abbraccia tutta la regione attraverso esperienze autentiche e coinvolgenti - commenta il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - che approdano anche sulla vetrina social. Questa iniziativa, unita a quella del pesto come simbolo di eccellenza nel mondo, promuove la Liguria mettendola sotto i riflettori del festival. Un'opportunità preziosa per far conoscere il nostro territorio attraverso il 'bacio', simbolo peraltro della prossima riapertura della Via dell'Amore alle Cinque Terre". 

- Per raccontare il proprio bacio più bello in Liguria è sufficiente compilare il Google Form a questo link: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSezwf38QBki91QUPje3Jao-r8Qm7aRbr__0j0g--bACtqfn9A/viewform?pli=1  

- Le foto pubblicate con la cornice #Liguriadabaciare dovranno invece contenere il tag @lamialiguria così da permetterne la condivisione.

Protesta agricoltori a Sanremo, Piana: “Regione lavora sulla nuova programmazione da Roma a Bruxelles”

Super User 06 Febbraio 2024 349 Visite

“Sanremo è sempre stato terreno di contestazione per la ribalta internazionale che offre, e quest’anno non sembra da meno con l’annunciata delegazione di protesta degli agricoltori in arrivo per il Festival. È ampiamente condivisibile il messaggio di importanza del settore primario come sinonimo di sicurezza e sovranità alimentare, di presidio del territorio, oltre alla necessità di una remuneratività adeguata del prodotto”. Lo dichiara in una nota l'assessore all'Agricoltura Alessandro Piana.

“Siamo infatti - prosegue la nota - in costante contatto a livello regionale con le associazioni di categoria nei periodici tavoli verdi e con gli assessori all’Agricoltura di tutte le regioni italiane sui problemi che affrontiamo e rivendichiamo nelle Commissioni Politiche Agricole e Roma. Crediamo che al Festival ci sarà anche, ancor di più degli anni scorsi, l’attenzione positiva, ad esempio con le ribalte dedicate ai fiori sul palco dell’Ariston e ai prodotti agroalimentari negli eventi collaterali, proprio per sottolineare il grande lavoro svolto dai nostri produttori. Non sta a me sindacare sulla protesta, ma sicuramente come Istituzioni continueremo a lavorare nelle sedi opportune sempre con la massima serietà di confronto insieme alle rappresentanze del territorio. Tra l’altro spesso ottenendo dei risultati positivi o di inversione di rotta. La riforma della PAC ci porta maggiori fondi, non una diminuzione. Tante le possibilità, tra l’altro modulabili rispetto agli scorsi anni, con il nuovo Complemento di Sviluppo rurale sino al 2027, un pacchetto di risorse da 207 milioni di euro complessivi. Sarà possibile infatti predisporre bandi specifici per particolari settori, aree o temi, rispondendo così puntualmente ai bisogni delle nostre aziende, in più cresce anche il sostegno agli investimenti produttivi delle imprese, con una percentuale di contributo che passa dal 40% al 65%, ulteriormente elevabile”.

“Riscrivere il futuro della nostra agricoltura è possibile se lo facciamo tutti insieme, mettendo a sistema le forze nelle sedi istituzionali. Ringrazio per questo le associazioni di categoria e i singoli produttori che tanta parte hanno nel garantire una chiara rappresentatività delle esigenze dei nostri agricoltori”, conclude il vice presidente Piana.

Tunnel Fontanabuona, Garibaldi: “Concluso l’iter regionale per l’avvio dei lavori”

Super User 06 Febbraio 2024 571 Visite

“Si è concluso l’iter regionale per l’avvio ai lavori per il tunnel della Val Fontanabuona, che collegherà l’autostrada A12 con l’entroterra del Tigullio. Un tracciato quasi completamente sotterraneo. La documentazione è stata inviata a Roma, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dove comincerà l’iter per l’approvazione definitiva di via e la valutazione d’impatto ambientale per poi iniziare i lavori. Un’opera strategica per il Tigullio e la Liguria e di cui ho seguito da vicino tutto l’iter insieme al viceministro Edoardo Rixi. Mi auguro che questa infrastruttura possa partire nel più breve tempo possibile”. Lo dice in una nota Sandro Garibaldi, consigliere della Lega in Regione Liguria.

Cep di Genova, il progetto della Comunità di Sant’Egidio per salvare la scuola del quartiere

Super User 06 Febbraio 2024 403 Visite

Una nuova scuola, aperta anche di pomeriggio e di estate, con corsi di teatro, musica e sport. Si aprono in questi giorni le iscrizioni per le sezioni sperimentali dell’Istituto Comprensivo “Voltri 2” che verranno attivate dall’anno scolastico 2024/25 per salvare dalla chiusura il plesso “Aldo Moro” del quartiere Cep e per dare ai ragazzi della zona una scuola di qualità, capace di attrarre anche famiglie dai quartieri limitrofi.

Iniziano in queste settimane le attività di “Nuovo Orizzonte” un progetto selezionato dall’Impresa sociale “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile: Sant’Egidio ha riunito attorno a sé gli Istituti comprensivi e le scuole superiori del Ponente Genovese (IC Voltri 2, Voltri 1 e Pra’, Bergese, Lanfranconi e Odero), il Comune e l’Università di Genova, l’Ufficio scolastico regionale per la Liguria, l’Istituto Italiano di Tecnologia, il Teatro della Tosse, e le associazioni artistiche Linkinart ed Esperanto per dotare il quartiere e la scuola delle risorse necessarie a contrastare il fenomeno della “segregazione scolastica” che ha già portato alla chiusura e al degrado un edificio scolastico nel quartiere.

Da anni la Comunità – che a Genova anima tredici “Scuole della Pace” nei quartieri periferici del capoluogo ligure e nel Centro Storico – è presente nel quartiere Cep con attività di contrasto alla dispersione scolastica e di supporto alla scuola.

“La Comunità di Sant’Egidio si conferma una realtà molto attenta alle esigenze del territorio e un valido alleato delle istituzioni per il contrasto alla dispersione scolastica, nell’ottica di una proficua collaborazione che ha come obiettivi imprescindibili la valorizzazione e la crescita dei nostri ragazzi – commenta l’assessore alla Scuola e Politiche Giovanili di Regione Liguria Simona Ferro. – Sono certa che la scuola che nascerà grazie a ‘Nuovo Orizzonte’ rappresenterà a tutti gli effetti un presidio educativo e sociale senza eguali all’interno del quartiere genovese del Cep. Ringrazio la Comunità di Sant’Egidio per aver elaborato un progetto di ampio respiro che non tiene conto soltanto delle ore da trascorrere tra i banchi di scuola, ma propone attività parallele e complementari di tipo didattico, sportivo e artistico che promuovono realmente l’apprendimento e la socialità della popolazione più giovane”. 

“Si tratta di un impegno civile – spiega Sergio Casali, il responsabile del progetto – in cui vogliamo cercare di mettere tutte le energie migliori della nostra comunità cittadina al servizio dei bambini e dei ragazzi che vivono in condizioni di marginalità. Siamo convinti che sia necessario dare più scuola a chi ne ha più bisogno e che le scuole migliori di una città dovrebbero stare in periferia”.

Il sogno è quello di non limitarsi a frenare la fuga delle famiglie dalle scuole collinari, ma di invertire il trend attraendo bambini e ragazzi dei quartieri limitrofi. Per questo il progetto prevede l’attivazione di una nuova sezione di scuola primaria a tempo pieno a indirizzo Montessori (o ad ispirazione montessoriana), una sezione di secondaria di primo grado a tempo pieno a indirizzo delle arti, trasporto gratuito per l'entrata e l'uscita da scuola, mensa gratuita (colazione e pranzo), prescuola gratuito, ambienti di apprendimento innovativi, facilitatori scolastici che, a richiesta, seguiranno i bambini nelle attività doposcuola e in un centro estivo gratuito della durata di un mese.

Al pomeriggio tutti i ragazzi potranno usufruire gratuitamente di attività educative, sportive ed artistiche gratuite a piccoli gruppi, inserite nell’offerta formativa:

- lezioni di teatro svolte dagli insegnanti del Teatro della Tosse;

- lezioni di musica svolte da musicisti professionisti dell'associazione Esperanto;

- attività sportive in collaborazione con associazioni sportive del territorio;

- supporto di facilitatori scolastici per il recupero delle insufficienze o il potenziamento in previsione della scuola superiore e per lo svolgimento dei compiti.

Al potenziamento della didattica del plesso Moro sarà affiancato un sistema di servizi extra-scolastici gratuiti e doti educative finalizzati al potenziamento delle competenze e allo scambio tra famiglie e minori di contesti socio-culturali differenti, tra cui percorsi scrittura creativa, robotica, street-art, supporto scolastico pomeridiano, summer school e iniziative di civismo attivo. Si promuoveranno inoltre “affidi culturali” di minori e genitori fragili da parte di famiglie non in svantaggio dei quartieri limitrofi (es. visite a musei, mostre, teatri).

Le sezioni saranno a numero chiuso: le iscrizioni sono aperte dal 18 gennaio al 18 febbraio.

Per informazioni è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mar Rosso, Botta (Spediporto): “Collegamenti con la Cina indispensabili per superare l’attuale situazione di difficoltà”

Super User 06 Febbraio 2024 326 Visite

“La crisi del Mar Rosso può essere superata dall’industria italiana scegliendo le soluzioni più adatte a seconda delle diverse esigenze. Ma è indubbio che una di queste sia l’utilizzo del treno sfruttando, in particolare, della Western Rail cinese”. Lo ha detto Giampaolo Botta, Direttore Generale Spediporto, nel corso del webinar sugli scenari commerciali Cina-Europa alla luce delle tensioni nella zona di Suez, organizzato da Aice, Italy China Council Foundation, Club Asia, Associazione Italia-Hong Kong e International Propeller Club. 

Il tema delle infrastrutture è, ovviamente, centrale in una fase storica come quella che stiamo vivendo e Botta ha sottolineato nel suo intervento quello che rappresentano i collegamenti ferroviari Cina-Europa: “Il nostro paese non ha mai capito quanto potesse essere strategico sfruttare il treno per collegarsi con questo paese così importante dove, secondo una recente indagine di Drewry, ben 217 città hanno un’altissima capacità ferroviaria di connessione con l’Asia ma anche con l’Europa, attualmente raggiunta in 25 destinazioni. Per dare qualche cifra, nel 2023, sono partiti ben 16.000 convogli che hanno trasportato, attraverso il Western Corridor, 1 milione e 700 mila contenitori, con un incremento, rispetto al 2022, del 19%. I convogli,  che raggiungono l’Europa in 16-18 giorni, si fermano, però, in Polonia e poi in Germania. Penso – ha aggiunto il DG Spediporto – che sia stato un clamoroso errore strategico abbandonare la Via della Seta, plastica testimonianza di come, nel nostro paese, manchi una cultura, direi quasi una visione a lungo raggio degli investimenti sulla logistica”.

E allora come sopperire alle difficoltà che emergono dall’attuale situazione di tensione? “Bisogna fare delle scelte – ha osservato Botta – fermo restando che, ovviamente, tutti ci auguriamo si arrivi a una tregua in Medio Oriente e che, comunque, la tensione nella zona cali. Ma andranno fatte comunque alcune valutazioni: l’aereo è il mezzo di trasporto adatto per alcuni tipi di merce, ha dei costi ma anche un grande vantaggio in termini di tempi. Il corridoio ferroviario Ovest dalla Cina vede prezzi in crescita ma che restano accettabili e simili al trasporto marittimo mentre il vantaggio è quello relativo ai tempi, che sono un terzo rispetto a quelli che, in questo momento si registrano con il trasporto via nave”.

L’Italia, però, sconta altre problematiche come quelle relative alla carenza di servizi intermodali: “Molto probabilmente – ha detto ancora il Direttore Generale Spediporto – ci sarà una tendenza ad aumentare lo stock di riserve in magazzino; ma abbiamo difficoltà legate alla qualità dei servizi alle merci. Spesso i servizi doganali e i controlli sanitari sono lenti, basti pensare al caso dei porti di Genova e Savona con soli 3 veterinari a disposizione. Se un carico arriva già con 12-18 giorni di ritardo e si devono attendere altri 10-15 giorni prima di inoltrarlo è evidente che ci troviamo in uno scenario che non può rendere gli operatori italiani competitivi a livello internazionale”.

Fine vita, Toti: “Sì alla discussione della legge in aula, mio voto a favore”

Super User 05 Febbraio 2024 335 Visite

"Sul tema delicato del fine vita personalmente anche io, come il governatore Zaia, voterei a favore ma sulle questioni etiche a ognuno deve essere garantita piena libertà e pertanto ritengo non debbano esserci rigide discipline o diktat di partito. Credo sia arrivato il momento, anche per la politica, di esprimersi su una questione che ha ancora confini giuridici poco chiari. Quello del fine vita è un tema tanto sensibile quanto reale, quindi sono favorevole al fatto che la discussione arrivi anche in Consiglio regionale pur considerando che dovrà essere affrontata anche a livello nazionale dal Parlamento italiano”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito alla prima proposta di legge regionale in Liguria sul fine vita presentata dall'associazione 'Coscioni'.

Bogliasco, il leghista Gabriele Vasirani entra in Consiglio comunale

Super User 05 Febbraio 2024 589 Visite

Gabriele Vasirani entra in Consiglio comunale a Bogliasco. La surroga ufficiale avverrà il prossimo 16 febbraio con la votazione in consiglio comunale che sancirà l’ufficialità della carica.

“Sono certa che Vasirani saprà fare un ottimo lavoro per i bogliaschini, partecipando attivamente alle sedute del consiglio e rappresentando gli interessi dei cittadini con proposte e iniziative per migliorare vita e il benessere della comunità locale. La squadra della Lega cresce ancora nelle istituzioni, continuando a portare avanti i valori che la contraddistinguono e con la volontà di lavorare nel solo interesse dei cittadini”. Lo dice in una nota Francesca Corso, segretario della Lega per la provincia di Genova.

Genova festeggia il Carnevale: tre giorni di animazioni, spettacoli e giochi

Super User 05 Febbraio 2024 433 Visite

 

È tornato Carnevale e anche quest’anno il Comune di Genova ha pensato ai più piccoli, organizzando un weekend dedicato a loro in piazza Matteotti e in via Garibaldi.

«Dopo il grande successo dello scorso anno in cui abbiamo iniziato a riprendere la tradizione genovese del Carnevale - spiega l’assessore al Commercio e alle Tradizioni cittadine Paola Bordilli – rinnoveremo nei prossimi giorni l’appuntamento, ancora più ricco di iniziative, per grandi e piccini. Ci sono tante maschere e tante storie nella tradizione carnevalesca di Genova e stiamo sempre più lavorando col duplice obiettivo di farlo scoprire alle giovani generazioni e, al contempo, per far vivere questa esperienza che da secoli ha animato la città ai genovesi e ai non genovesi. Invito tutti i Genovesi a partecipare alle iniziative immergendosi sempre nelle tradizioni della nostra città scoprendo chi erano A Marcheisa, Pacciugo, Capitan Spaventa e tante altre maschere assieme alla bellezza dei loro costumi e delle loro storie. Ringrazio infine tutti coloro che hanno partecipato a questa serie di iniziative, dai gruppi storici, ai vigili del fuoco, e a tutti coloro che hanno aperto le porte dei palazzi di via Garibaldi, ai Civ, Pro Loco, Municipi e associazioni coinvolte. Non mancheranno le caramelle, grazie quest’anno alla sponsorizzazione di Conad Nord Ovest, per la quale voglio ringraziare il direttore Alessandro Penco e i soci imprenditori di Genova.».

«Ci aspetta un fine settimana ricchissimo di eventi - prosegue il consigliere delegato ai Grandi eventi Federica Cavalleri - che inizierà venerdì 9 a palazzo Tursi e proseguirà sabato 10 in piazza Matteotti con una giornata dedicata ai bambini e che vedrà musica e la presenza di un volto importante e amato della televisione come Laura Carusino e che domenica andrà avanti con il “Carnevale nella via Aurea”, durante il quale via Garibaldi e i suoi palazzi storici si animeranno di spettacoli di arti varie adatti per tutte le età. Uno sforzo organizzativo che siamo sicuri sarà apprezzato da tutti, grazie al lavoro della Direzione grandi eventi e alla partecipazione dei gruppi storici, musical e tutti gli artisti che si esibiranno in un pomeriggio davvero intenso e che non vediamo l’ora di vivere».

Già dal primo febbraio il Comune di Genova sta andando, con la collaborazione dei gruppi storici, nelle scuole elementari cittadine con le maschere della tradizione genovese e le parole tipiche del carnevale in lingua genovese.

La tre giorni inizierà poi con la “Serata carnevalesca in musica” con l’orchestra del “Circolo mandolinistico Il Risveglio”, che si terrà venerdì 9 febbraio, alle 20.30, nel salone di rappresentanza di Palazzo Tursi. Un’orchestra di circa 15 elementi proporrà un repertorio incentrato sulla musica da ballo, con prevalenza di valzer e tanghi, senza far mancare qualche incursione musicale nel repertorio dei compositori genovesi. Immancabile “Il Carnevale di Venezia” di Gioacchino Rossini, un momento giocoso e festoso in una trascrizione adattata per questa formazione.

Si prosegue sabato 10, in piazza Matteotti, alle ore 14 con musica e animazione, e a seguire, a partire dalle 15 “Tutti in una fiaba”, spettacolo con l’attrice e cantante Laura Carusino, conduttrice de “L’albero azzurro”, storico programma per bambini della Rai. Con l’accompagnamento di un musicista, Carusino si calerà nei panni di una detective coinvolgendo i bimbi in una divertente indagine per scoprire chi ha interrotto Cenerentola, la fiaba con la quale si aprirà lo spettacolo.

Dalle ore 16 tutti in piazza, pronti per la “pentolaccia”, con la collaborazione e il supporto dell’Associazione nazionale Vigili del fuoco che, come lo scorso anno, sarà aperta dai bambini. Dopo l’apertura della “pentolaccia” saranno distribuite caramelle e dolciumi, tutti donati dallo sponsor Conad: ben 200 chilogrammi. La piazza sarà movimentata da animatori che coinvolgeranno i bambini in diverse attività come la baby dance.

I colori del carnevale e le maschere tradizionali genovesi torneranno ad animare via Garibaldi e i suoi palazzi storici con “Carnevale nella via Aurea” domenica 11 febbraio: come lo scorso anno le maschere tradizionali della città porteranno i cittadini alla riscoperta delle tradizioni carnevalesche dei palazzi nobiliari.

Tema principale di quest’anno saranno i giochi della tradizione cittadina che coinvolgeranno grandi e piccini insieme.

Ad animare “La via Aurea” saranno i gruppi storici e le associazioni: Gruppo Storico Sextum; Giocaluccoli; Gruppo Storico Voltri; Le Gratie d’Amore; I Gatteschi; Mauro Pagan; Gruppo Folcloristico Città di Genova; Lanterna Magica;Steampunk Italia; Gruppo Storico Sestrese; Amixi de Boggiasco; Egofueke; D&E Animation; Genova Gioca. 

L’elenco completo delle iniziative, tra cui anche quelle dei municipi, CIV di Confcommercio e Confesercenti e pro loco, saranno presenti sul sito visitgenoa.it a partire dalle ore 12.00 di martedì 6 febbraio.

BIT, la Liguria presenta la nuova stagione turistica tra le eccellenze del territorio e gli chef stellati

Super User 05 Febbraio 2024 890 Visite

Eccellenze, chef stellati, nuove proposte. Così la Liguria si presenta all’appuntamento di BIT, la Borsa internazionale del Turismo, che si tiene a Milano fino a domani, 6 febbraio.

Durante la conferenza stampa di questa mattina - a cui hanno partecipato rappresentanti di Regione, Comune di Genova e Comune della Spezia - i territori hanno incontrato la stampa specialistica, portando sul palco dello stand della Liguria i programmi e le iniziative per il 2024, all’interno di uno spazio - appositamente studiato - che coniuga momenti “esperienziali” di valorizzazione del territorio e delle eccellenze alle zone riservate ai B2B e agli incontri business.

La BIT è stata anche l’occasione per presentare le campagne di promozione e comunicazione per la prima parte del 2024 che arriveranno fino a fine luglio, con la prevista riapertura della Via dell’Amore. Il sentiero patrimonio Unesco simbolo delle Cinque Terre e della Liguria nel mondo tornerà fruibile dopo anni di chiusura e importanti lavori di recupero e messa in sicurezza.

“C’è voglia di Italia e c’è grande voglia di Liguria - spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, una regione i cui indicatori stanno tutti crescendo. Nel 2023 è fortemente aumentato il turismo straniero, mentre gli italiani sono ben presenti ormai da qualche stagione. Quest’anno sarà straordinario, con la riapertura della storica Via dell’Amore, dopo tanti anni di chiusura e un lavoro complesso anche da un punto di vista ingegneristico. Quest’estate quindi riapriremo al turismo uno dei simboli della Liguria a cui è dedicata anche la nostra cartolina istituzionale al Festival di Sanremo. In questi anni è cresciuto un turismo sempre più destagionalizzato, che fa della Liguria una meta ambita non solo per il suo mare, il più bello d’Italia, ma anche per la sua arte, per i suoi parchi, per il suo outdoor, per cui siamo tra i leader del Paese, senza dimenticare il traino fondamentale del nostro agroalimentare con un boom di vendite dei nostri prodotti, dal pesto al vino. Tutto si incrocia con quella nautica da diporto per cui la Liguria è diventata, con il suo Salone Nautico, i suoi porti e i suoi cantieri, la capitale mondiale. La Liguria è un modello di sviluppo integrato che ci sta dando tante soddisfazioni e le sta dando ai liguri visto che l’occupazione è ai massimi di tutti i tempi”.

La presenza della regione alla Borsa internazionale del turismo risponde alle esigenze e le richieste del comparto turistico ligure: BIT rappresenta un importante momento di incontro e confronto tra domanda e offerta, potendo contare anche per questa edizione su oltre 1.100 espositori provenienti da 66 Paesi.

LIGURIA LOUNGE STELLATA

Nello spazio Liguria in BIT gli ospiti vengono accolti in un giardino verde e colorato in cui trovano spazio show-cooking, conferenze e degustazioni. Un’ elegante “lounge”, con zona relax, che riceve con fascino e funzionalità i seller, i buyer, la stampa in un’area progettata per garantire anche grande visibilità alle imprese del turismo regionale.

Il padiglione, corredato dalle splendide immagini della Liguria (che riprendono i claim “il più bel mare d'Italia”, “un mare di borghi”, “il mare verde di Liguria”) punta quest’anno a coinvolgere i visitatori anche grazie a momenti esperienziali di grande impatto: il sistema delle eccellenze eno-gastronomiche liguri viene qui presentato attraverso un “assaggio” di prodotti tipici di altissimo livello.

Focaccia e pesto vengono declinati dalle sapienti mani di tre chef stellati liguri: Ivan Maniago, Ivano Ricchebono, Jorg Giubbani i cui piatti vengono serviti nella zona lounge. 

“La BIT- spiega il vice presidente della Regione Liguria con delega all’Agricoltura, Sviluppo dell’Entroterra e Marketing Territoriale Alessandro Piana - è un’occasione per presentare agli operatori di settore e al grande pubblico quanto di meglio la nostra regione è in grado di offrire. Stiamo già ricevendo grande attenzione, con una crescita di valore sull’entroterra come meta di viaggio dai borghi alle attività outdoor sino alla riscoperta delle eccellenze enogastronomiche. Ecco perché l’agroalimentare viene presentato a buyers e visitatori con una formula ad hoc, con focaccia e pesto che diventano i protagonisti dei piatti di tre chef stellati liguri. Momenti esperienziali dunque, per coinvolgere sempre di più e per mettere a sistema le bellezze del territorio con le nostre tipicità e tradizioni”.

“Dopo essere stati ad Utrecht e a Madrid a gennaio, proseguiamo le campagne promozionali del 2024 con la nostra presenza ad un'altra importantissima fiera internazionale come la Bit di Milano – dice Augusto Sartori, assessore regionale al Turismo -. Il nostro obiettivo è confermare e, perché no, migliorare l'ottimo risultato conseguito dalla Liguria nel corso del 2023. Per la prima volta in assoluto abbiamo avuto in un anno oltre 16 milioni di presenze turistiche con una crescita del 3,5% rispetto al 2022, di questi è stata notevole la presenza di turisti stranieri pari a 7,2 milioni, +9,4% sull'anno precedente. Confermato che i lombardi (3,2 milioni) e i piemontesi (2,7 milioni) sono stati i turisti più numerosi e che ai primi posti tra gli stranieri abbiamo avuto sempre i tedeschi (1,5 milioni, +5,5%) e francesi (1 milione, +4%), sono da segnalare delle interessanti novità. Notevole, ad esempio, è stata la crescita dei turisti statunitensi (+25%) che hanno raggiunto quota 540 mila, dei canadesi (+40%, pari a 110 mila) e degli australiani cresciuti addirittura del 157% con 150 mila presenze nel 2023. Segnalo anche il ritorno, dopo anni di calo post Brexit, dei turisti britannici che sono stati 265 mila per un incremento del 13%. Abbiamo infine registrato anche presenze in forte crescita percentuale di turisti provenienti dalla Cina (+101%), dal Giappone (+64%), dalla Corea del Sud (+73,5%) e dall'India (+35,8%). Questi ultimi sono mercati 'nuovi' per la Liguria nei quali abbiamo messo in preventivo di andare a promuovere il brand Liguria”.

“Nel 2023 abbiamo registrato 1 milione di notti nelle strutture del nostro territorio – dice il sindaco della Spezia, Pierluigi Peracchini -. Un risultato importante, che siamo riusciti a raggiungere grazie ad un continuo miglioramento dell’offerta turistica e partendo dalla valorizzazione della nostra storia e della nostra cultura. La Spezia è una delle province più belle al mondo e il nostro impegno è mirato a creare una proposta variegata capace di coniugare le nostre bellezze naturali, con eventi pensati per tutti tra enogastronomia, sport e la riscoperta del nostro ricco patrimonio culturale.”

“Nei prossimi mesi il nostro territorio sarà sede di grandi eventi - spiega Mariagrazia Frijia, assessore al Turismo della Spezia -: ospiteremo la Borsa del turismo esperienziale, la seconda Fiera nazionale dell’ostrica e i campionati assoluti di atletica leggera. Appuntamenti di qualità, che rendono la nostra area sempre più attrattiva per diversi tipi di turismo. Inoltre, Spezia è capofila di un progetto pilota che prevede la creazione di un’area più vasta, con il coinvolgimento di ben 64 comuni, per condividere strategie e politiche legate all’accoglienza. In particolare, per rispondere all’over tourism, stiamo lavorando su un progetto di area vasta che permetta al turista di assaporare tutto ciò che si può fare nel nostro territorio, diversificando l’offerta, cercando di non sovrappopolare solo alcune zone”.

“La vetrina della Borsa Internazionale del Turismo di Milano è ormai un appuntamento fisso per la promozione di Genova, nell’ottica di sistema con tutto il territorio regionale – osserva l’ assessore al Turismo e Sport Comune di Genova Alessandra Bianchi -. Genova, anno dopo anno, si propone al grande pubblico e ai tour operator con un’offerta sempre più ampia, in grado di intercettare anche nuovi turisti, che sappiano ‘innamorarsi’ della città che visitano, attraverso una fruizione esperienziale e attiva. Agli importanti flussi collegati alle crociere, che hanno fatto registrare nel 2023 un record storico di transiti da 1,7 milioni di passeggeri dal nostro terminal, stiamo consolidando anche nuovi target: dal congressuale al culturale, con Genova Capitale italiana del Libro, i Rolli e l’offerta museale, oltre al turismo legato allo sport con Genova Capitale europea dello sport 2024 e con gli eventi di richiamo internazionale che scandiranno i prossimi anni”. Assessore al Turismo e Sport Comune di Genova Alessandra Bianchi.

Gli operatori turistici presenti allo stand della Regione sono 28, rappresentativi di tutto il territorio. La loro attività è organizzata per poter effettuare più di 900 incontri con buyer da tutto il mondo, nei tre giorni di esposizione.

Gli operatori presenti:

Consorzio Portofino Coast

Excelsior Palace Portofino Coast

Genovarent srl

Golfo Paradiso srl

C-Way srl Unipersonale

Consorzio Servizio Marittimo del Tigullio

Hotel Vis à Vis Portofino Coast

Arbaspàa srl

Comune di Diano Marina

Royal Hotel Sanremo

CONVENTION BUREAU GENOVA SRL

LIGURIA TOGETHER EXPERIENCE

LIGURIA TOGETHER HOTELS AND ACCOMMODATION

LIGURIA TOGETHER INCOMING

LIGURIA TOGETHER OUTDOOR

GRAND HOTEL ARENZANO

IL GOLFO DELL'ISOLA-Spotorno, Noli, Bergeggi, Vezzi Portio

CNA LIGURIA RETE BELLA LIGURIA

Città di Genova

Città di Bordighera

Consorzio Turistico Sestri Levante In

Comune di Chiavari

Comune della Spezia

Elevation Club

ALLEGROITALIA LA SPEZIA 5 TERRE

Comune di Sanremo

Università di Genova - Giardini Botanici Hanbury

Cinqueterreholidays By Confartigianato Turismo La Spezia

Commercio equo e solidale, Piana: “Dal 16 al 26 febbraio aperte le domande al bando regionale”

Super User 05 Febbraio 2024 375 Visite

“Sarà attivo dal 16 al 26 febbraio il bando regionale in favore del settore del commercio equo e solidale”. A comunicarlo è l’assessore allo Sviluppo economico e al commercio Alessio Piana.

I beneficiari dei contributi, previsti a copertura del 70% delle spese ammissibili, devono essere iscritti nell’elenco regionale delle organizzazioni del commercio equo e solidale (l.r. n.32/2007, art.3).

La dotazione complessiva della misura regionale è di 50 mila euro ed è rivolta ad azioni intraprese tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2024. Possono essere finanziati i progetti di sensibilizzazione e formazione di studenti e volontari.

Sono ammissibili spese relative alla produzione di materiale didattico (anche con tecnologie innovative), spese per la realizzazione online delle iniziative, utilizzo del personale specifico per la riuscita del progetto, spese di viaggio del personale e di trasporto del materiale e impiego di risorse esterne (ad esempio consulenze e docenze).

“Con questa azione intendiamo coinvolgere gli studenti in progetti educativi che responsabilizzino un acquisto consapevole e di come queste scelte possano influenzare le condizioni delle persone che vivono in paesi svantaggiati”, sottolinea l’assessore.

Le domande devono essere redatte utilizzando la modulistica allegata alle modalità attuative del bando, presenti sul sito di Regione Liguria, e trasmesse con raccomandata con ricevuta di ritorno al settore Commercio del Dipartimento Sviluppo Economico di Regione Liguria oppure via PEC all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La procedura è a sportello. Dopo aver accertato l’ammissibilità ai requisiti, la graduatoria delle domande idonee seguirà l’ordine di spedizione.

Palazzo Ducale affollato per la premiazione del concorso Passaporto dei presepi genovesi

Super User 05 Febbraio 2024 657 Visite

Un affollatissimo Salone del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale ha accolto con grande calore l’arrivo dei tre cortei storici: un vero e proprio presepe vivente che ha fatto da cornice alla premiazione dell’iniziativa Passaporto dei presepi genovesi.

La cerimonia si è svolta ieri pomeriggio, alla presenza del sindaco Marco Bucci, dell’assessore alle Tradizioni cittadine Paola Bordilli, di don Gianfranco Calabrese, vicario episcopale della Diocesi di Genova, ed è stata preceduta un approfondimento storico sul significato, religioso e laico, del presepe.

“Una bella festa, una bella tradizione che è associata ai primi nostri presepi, cioè a questo concorso che abbiamo fatto per la prima volta, dove premiamo chi ha visto tutti i presepi che facevano parte dell'organizzazione. Sappiamo già che l’anno prossimo ce ne saranno di più. I presepi non sono soltanto una manifestazione religiosa, ma hanno anche un valore culturale e artistico: tre componenti fondamentali dello spirito umano, che vengono celebrati con questa manifestazione. Grande Genova! - ha commentato il sindaco Marco Bucci -. Siamo davvero contenti, è un bello spettacolo e soprattutto un riconoscimento per tutti coloro che hanno partecipato: gruppi storici, 46 presepi della nostra città, oltre alle moltissime persone - abbiamo distribuito 40 mila passaporti - che hanno visitato i presepi e fatto timbrare il passaporto”.

I premi sono stati offerti da: Comune di Genova, Musei civici, Arcidiocesi di Genova, Camera di Commercio di Genova, Mu.Ma, Fondazione Palazzo Ducale, Teatro Nazionale, Costa Edutainment.

'Sesso e bugie', due pièces di Woody Allen al teatrino Zanetti

Super User 05 Febbraio 2024 599 Visite

L’appuntamento è per lunedì 5 febbraio alle ore 17:45 nella sede dell’associazione No Profit “Ottavio Cirio Zanetti”, in salita Inferiore San Rocchino 3R a Genova, a 50 metri dalla centralissima Piazza Corvetto. L’associazione, presenta due pièces di Woody Allen, tradotte in italiano da Rita Cirio.

Lo spettacolo, che pone l’attenzione tra le sempre benefiche interferenze tra teatro e cinema, mette in scena "Sesso e bugie", titolo che riunisce due atti unici scritti da Woody Allen nel 2003 e che ricordano da vicino film come "Crimini e misfatti", "Match Point" e l'ultimo "Un colpo di fortuna".

In scena ci saranno sette attori, vale a dire Andrea Benfante, Enrico Campanati, Pietro Fabbri, Anna Giarrocco, Enrica Origo, Davide Quillico e Nicoletta Tangheri.

L’associazione “Ottavio Cirio Zanetti” nel primo anno di vita ha organizzato ben 15 incontri teatrali e culturali di assoluto valore ed interesse.

Per partecipare alle attività proposte è necessaria la tessera, alla portata di tutti, che da diritto ad assistere gratuitamente a tutto ciò che viene organizzato nel 2024.

Per informazioni e prenotazioni si può contattare il numero wathsapp 334 2166579 oppure la mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

L’ASSOCIAZIONE “OTTAVIO CIRIO ZANETTI”

Fondata a fine 2022, l’Associazione di Promozione Sociale senza scopo di lucro “Ottavio Cirio Zanetti per la Ricerca Scientifica, la Cultura e l’Arte”, animata dalla giornalista Rita Cirio e dal docente universitario Eugenio Buonaccorsi, porta il nome del giovane cineasta, critico, studioso di cinema, stroncato a 36 anni nel 2020 da un tumore raro. L’Associazione agisce per la ricerca scientifica, la cultura, l’arte.

Il motto della “Ottavio Cirio Zanetti” è “Con la cultura, forse, non si mangia, ma si può far lavorare un ricercatore di eccellenza”. I profitti delle iniziative vengono infatti impiegati per pagare una borsa di studio annuale per un ricercatore o una ricercatrice nel campo dello studio e della terapia dei tumori rari, e il beneficiario illustrerà poi al pubblico il lavoro che sta svolgendo in collaborazione con un centro di eccellenza medica.

Dell’associazione fanno parte Rita Cirio, presidente, cofondatrice nel 1974 del Teatro della Tosse a Genova, inviato speciale e critico teatrale dell’Espresso per oltre quarant’anni, saggista, drammaturga; Eugenio Buonaccorsi, vicepresidente, docente di Storia del teatro e dello spettacolo; Armando Battelli, perito d’arte per il Tribunale di Genova; Anna Doni, addetta culturale in diversi Istituti italiani di cultura all’estero (Dublino, Parigi, Londra); Pietro Favari, drammaturgo e docente del DAMS di Bologna; Sergio Noberini, curatore di Casa Luzzati di Genova; Davide Quillico attore e Alberto Squeri, tesoriere dell’Associazione.

Stand up comedy, risate al pesto nell’antica osteria Barisone di Sestri Ponente

Super User 05 Febbraio 2024 426 Visite

Un microfono, un palco, una bocca pronta a fare uscire parole e pensieri in libertà! È la stand up comedy, genere comico che ha preso piede nei primi anni del XX secolo negli States da personaggi come Lenny Bruce. In Italia di gran moda a Milano, che ne è la capitale, ma da qualche anno approdata a Genova dove trova ospitalità sul palco di Barisone 1945, in via Siracusa 2r. a Sestri Ponente.

Lo storico ristorante sestrese ormai da tempo è diventato palcoscenico per attori come Paci, Ornano, Balbontin e Di Marco ma non si vuole fermare lì. E per questo, venerdì 9 febbraio, a partire dalle 21:00, propone "Risate al pesto". Sei aspiranti comici genovesi si alterneranno per circa un’oretta in monologhi dove proveranno a farvi ridere e proveranno a farvi riflettere.

"Ad esibirsi saranno, oltre al sottoscritto, Francesco Solari, Alberto Vicinelli, Lolli Bozzi, Juri Marroccu, Noemi Sanfilippo e Mario Ciranni; tutti giovani o aspiranti giovani ma già protagonisti in vari locali genovesi e non!", commenta Gabriele Giardina, il presentatore della serata, giovane a sua volta ma con una lunga gavetta alle spalle fatta di intrattenimento internazionale su navi da crociera seguita dal passaggio su palcoscenici milanesi.

La serata è offerta dal ristorante Barisone alla sua clientela. Non ci saranno costi aggiuntivi per i clienti ma, semplicemente, basterà cenare e lasciarsi trasportare dalla comicità di chi li farà ridere al pesto.

Sport, assessore Ferro alla Bit di Milano: “In arrivo in Liguria eventi di prestigio internazionale”

Super User 05 Febbraio 2024 351 Visite

“La scherma sarà assoluta protagonista del panorama sportivo ligure nel 2024 e nel 2025. Siamo infatti entrati in un biennio davvero importante per il nostro territorio, grazie alla nomina di Genova a Capitale Europea dello Sport 2024 e della Liguria a Regione Europea dello Sport 2025. In questo scenario si inseriscono proprio le grandi manifestazioni della scherma italiana e internazionale: i Tricolori nel 2024, riservati a Cadetti e Giovani, e gli Europei 2025, primo evento internazionale dopo i Giochi Olimpici di Parigi. La Federscherma ha premiato il lavoro delle nostre amministrazioni, assegnandoci due appuntamenti di assoluto prestigio internazionale e grande rilevanza sportiva, mediatica e turistica”. Così l’assessore allo Sport di Regione Liguria Simona Ferro, alla BIT di Milano per la presentazione dei Tricolori 2024 e degli Europei 2025 di scherma.

Spreco alimentare, Sonia Viale (Lega): “Occorre una legge regionale”

Super User 04 Febbraio 2024 369 Visite

“Il 5 febbraio, è la giornata nazionale contro lo spreco alimentare. Ridurre lo spreco di cibo è fondamentale per diversi motivi: contribuisce a preservare le risorse, riduce l'impatto ambientale associato alla produzione di cibo e ai rifiuti, aiuta a risparmiare denaro e può supportare la sicurezza alimentare globale. Adottare pratiche responsabili può avere un impatto significativo sulla sostenibilità e sul benessere della società”. Lo dice in una nota Sonia Viale, consigliere regionale della Lega, preannunciando il deposito di una legge regionale in materia.

“Già dal 2018, quando ero vice presidente della Regione, mi ero impegnata in prima persona sul tema, con un tavolo che coinvolgeva per competenza Assessorato all’Ambiente, allo Sviluppo e economico e alla Sanità, per donare e distribuire i prodotti alimentari per solidarietà sociale e limitare gli sprechi - prosegue Viale -. A oggi, oltre il 30% del cibo totale prodotto nel mondo viene buttato. In Italia, nel 2020, sono stati buttati 27 kg di cibo a persona. In Liguria, nel 2021, quasi 46 mila porzioni di cibo non consumate sono state salvate dallo spreco. L’obiettivo 12.3 dell’Agenda Onu parla di un’impellente necessità di dimezzare lo spreco alimentare entro il 2030. Adesso credo sia giunto il momento di avere una legge regionale che metta a regime le azioni da adottare contro lo spreco alimentare dando incentivi o agevolazioni fiscali alle imprese che adottano pratiche di gestione sostenibile e riduzione degli scarti; implementando programmi educativi, a cominciare dalla scuola, per sensibilizzare la popolazione, le imprese e gli operatori della filiera alimentare sullo spreco alimentare e sulle pratiche sostenibili; coinvolgendo associazioni di categoria e di volontariato per favorire la donazione di cibo invenduto. Basti pensare che molti piatti della tradizione ligure e italiana nascono proprio dall’esigenza di non buttare via nulla e non fare sprechi”.

“Occorre puntare su una legge nuova, partendo dai piani strategici regionali e dai tavoli che hanno prodotto un lavoro prezioso che non deve andare perduto, sia sulla conservazione dei cibi, che sulle agevolazioni per aziende, ad esempio, quelle che promuovono l’uso della doggy bag, anche alla luce dei dati di Coldiretti/Censis che vedono quasi un italiano su 2 (49%) pronto a chiederla al ristorante per recuperare il cibo non consumato ed evitare che venga buttato”, conclude la consigliera regionale della Lega.

Efficientamento energetico, Regione Liguria abbassa a 100 mila euro la soglia di investimento

Super User 04 Febbraio 2024 382 Visite

La giunta regionale della Liguria, su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico Alessio Piana, ha abbassato da 500 mila euro a 100 mila euro la soglia di investimento minima per le imprese dell'artigianato, del commercio e della ristorazione intenzionate ad accedere alle agevolazioni (a copertura dell'88% degli investimenti effettuati) previste dal bando regionale da 10 milioni di euro dedicato all'efficientamento energetico.

"L'artigianato e il commercio sono due nervature essenziali del tessuto economico ligure. Settori che abbiamo fortemente sostenuto e che continueremo a sostenere con gli strumenti di 'Garanzia Artigianato Liguria' e 'Cassa Commercio Liguria' – sottolinea l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana -. Opportunità che, con la nuova programmazione Fesr 2021-2027, prevedranno anche agevolazioni dedicate all'efficientamento energetico delle micro e piccole imprese".

"Con questa modifica - aggiunge l'assessore Alessio Piana - andiamo a completare l'offerta in favore dei due comparti, consentendo, anche a quelle attività più strutturate, di richiedere agevolazioni per investimenti più alti rispetto a quelli che verranno ricompresi dai due strumenti di accesso al credito regionali". 

La misura, rientrante nell'azione 2.1.2 del PR FESR 2021-2027, prevede la riduzione di almeno il 30% delle attuali emissioni inquinanti delle imprese e combina strumenti come il contributo a fondo perduto (a copertura del 43% dell'investimento), il finanziamento al tasso dell'1,5% (a copertura del 45% dell'investimento) e l'abbattimento dei costi di garanzia. 

Sono ammesse spese per: la riqualificazione energetica degli immobili e degli impianti produttivi, aumentare l’efficienza energetica e limitare il consumo di energia, sostituire gli impianti e i macchinari con attrezzature nuove e più efficienti. 

Le domande saranno presentabili dal 16 al 29 febbraio, accedendo al sistema "Bandi on line" di Filse (dal 12 febbraio sarà attiva la modalità offline per iniziare a predisporre la candidatura).

Genova, l’assessore Mascia alla commemorazione dell’eccidio del Castellaccio

Super User 04 Febbraio 2024 346 Visite

Si è svolta ieri mattina al Forte Castellaccio del Righi, in via Peralto, la commemorazione per il 79° anniversario dell’Eccidio del Castellaccio. In rappresentanza del Comune di Genova, era presente l’assessore Mario Mascia. L’orazione commemorativa è stata pronunciata da Fabio Servidei, segretario regionale UIL Liguria.

Il 29 gennaio sei patrioti – Sabatino Di Nello (Pietro Silvestri), Alfredo Formenti (Brodo), Angelo Gazzo (Falco), Piero Pinetti (Boris), Luigi Achille Riva (Foce) e Federico Vinelli (Ala - Seri) – vennero condannati a morte da un sedicente tribunale della RSI.

All’alba del 1°febbraio 1945, furono condotti sulla collina del Righi e vennero fucilati dalle brigate nere sotto il ponte levatoio del Forte Castellaccio.

Durante la cerimonia è stato anche ricordato il sacrificio di Corradino Nuzzi e di Gian Domenico Diambri, caduti al Forte Castellaccio rispettivamente il 18 gennaio e il 12 marzo 1945.

“Innamorati di Genova”, due spot andranno in onda durante il Festival per promuovere la città

Super User 04 Febbraio 2024 653 Visite

 

“Una città da amare” è la sintesi dei due spot promozionali per presentare Genova ai telespettatori di tutta Italia, nelle settimane del Festival di Sanremo, che verranno lanciati dal 4 al 17 febbraio all’interno di trasmissioni Rai tra cui Domenica In, Aspettando Fiorello, Kilimangiaro, I Fatti vostri, Porta a Porta e sulla piattaforma di Sanremo Light, per visualizzarli prima dei video di Sanremo, su Rai Play, YouTube e Vevo. 

Gli spot sono stati realizzati dal Comune di Genova con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la città durante il Festival di Sanremo, evento che da sempre è vetrina fondamentale per la Liguria e che attira turisti da tutto il mondo e spettatori di tutta Italia. 

«In questi due spot abbiamo racchiuso le unicità del nostro territorio: dalle bellezze paesaggistiche all’eccellenze dell’enogastronomia passando per il ricco patrimonio storico artistico culturale che fanno innamorare chiunque venga a scoprire Genova - dichiara l’assessore al Turismo, Alessandra Bianchi - Un’attività di promozione condivisa con il tavolo del turismo dove avviene un costruttivo confronto su priorità ed iniziative finalizzate a confermare la costante crescita turistica della destinazione Genova che continua a superare annualmente i propri record di presenze e pernottamenti».

«La decisione di tornare a investire sul mezzo televisivo per le campagne di promozione turistica è maturata al tavolo dell’imposta di soggiorno su richiesta delle categorie degli albergatori - commenta il segretario generale della Camera di Commercio Maurizio Caviglia - Non possiamo che dirci soddisfatti della scelta effettuata e impegnarci con il Comune a proseguire con decisione nel seguire le indicazioni del tavolo di promozione che resta una eccellenza genovese».

“Innamorati di Genova” è la frase scelta a chiusura degli spot, un invito della città a chi non la conosce davvero. Un viaggio attraverso il suo carattere, che si svela in infiniti punti di vista: dal centro storico ai palazzi dei Rolli fino alle ville più sorprendenti, dai forti sulle colline fino al mare attraverso parchi e borghi. Ma non solo: una città dalle mille anime, dove ognuno può emozionarsi in ogni senso e gustare il cibo tra le botteghe o in riva al mare, guardare e sentire ogni stagione tra eventi di musica, nautica e sport. Insomma: “Innamòrati di Genova” è la promessa di tornare “innamoràti” di Genova.

Elezioni europee, Toti: “Notizia della mia candidatura è destituita di ogni fondamento”

Super User 03 Febbraio 2024 592 Visite

“Ogni notizia relativa a una possibile candidatura del presidente Giovanni Toti alle prossime elezioni europee è destituita di ogni fondamento. Ogni impegno del governatore nei prossimi mesi sarà dedicato ai molti progetti da portare avanti in Liguria”. Così si legge in una nota dello staff di Giovanni Toti che smentisce alcuni quotidiani che davano il governatore pronto a correre per le europee.

“Per quanto riguarda la Lista Toti, primo gruppo politico del Consiglio regionale, e i movimenti civici locali che si riconoscono nel medesimo perimetro politico, l’orientamento è quello di lasciare libertà di voto ai propri amministratori, dirigenti e simpatizzanti, all’interno delle forze politiche che sostengono il Governo nazionale, senza alcun impegno diretto, per dedicare, come da impegni presi con gli elettori, ogni attenzione ed energia al territorio e al governo locale”, conclude la nota.

Riqualificazione Sampierdarena, Lega: “La sinistra è contraria perché vuole che resti popolare”

Super User 03 Febbraio 2024 408 Visite

“La sinistra non ha a cuore il futuro di Sampierdarena. Ne siamo certi dopo aver ascoltato il discorso di un assessore del Pd, durante la II Commissione in Municipio Centro Ovest, che parlando del progetto 4 assi e della conseguente riqualificazione di via Sampierdarena, ha dichiarato che la zona è storicamente ‘popolare’, che tale deve rimanere e che quindi non può tornare ad avere una spiaggia o le sue vie non possono aspirare a diventare come via XX Settembre o via Roma”. Lo dice in una nota il gruppo Lega in Municipio II Centro Ovest a Genova.

“Siamo contrari e contrariati da questo modo di pensare, portato avanti, fra l’altro, da chi dice di rappresentare la parte meno abbiente della popolazione - prosegue la nota -. L’ assessore dimostra di non conoscere la storia di Sampierdarena, ma soprattutto di non volere una riqualificazione che commercianti, ma soprattutto residenti attendono da anni. È necessario agire e migliorare il decoro urbano, costruire nuovi parcheggi, ammodernare i marciapiedi e creare aree verdi”.

“La nostra città è piena di esempi dove luoghi portuali sono rinati, come il Porto Antico, la Darsena, la Marina di Sestri Ponente, il Waterfront di Levante. Le cose possono e devono migliorare e la filosofia del dire: “è sempre stato così”, non ci porterà da nessuna parte se non a un degrado peggiore”, concludono i leghisti.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

Genova Sport 2024