Skin ADV

Toti sulla vicenda russa che coinvolge la Lega

Giovanni Toti

“Anche io sono stato in Russia qualche volta. Una delle ultime volte ho dormito all’hotel Metropol e ho comperato come ricordo questo cappello.
Ora, sulla vicenda che coinvolge la Lega in queste ore troppe cose non mi tornano: chi ha fatto all’hotel Metropol quelle intercettazioni? Perché sono arrivate in Italia? Chi le ha diffuse?
Siccome è noto che la Russia sia un paese dove vengono fatti da sempre occhiuti controlli, mi pare assai strano che i russi stessi abbiano diffuso, o permesso la diffusione, di intercettazioni che chiamano in causa il loro paese.
D’altra parte le responsabilità penali sono personali. Questo paese ha già pagato un prezzo assai alto ai processi di piazza, alla cultura del sospetto, al teorema del “non poteva non sapere”. E soprattutto nel centrodestra dovremmo avere consapevolezza di questo.
Ora è giusto che i magistrati indaghino e scoprano se qualcuno ha commesso reati, ma evitiamo i processi sommari tanto cari ai giustizialisti politici di casa nostra, primi tra tutti quelli del Movimento 5 Stelle, ma non solo: su questo anche la sinistra ha un bel curriculum che non dimentico.
E mentre la magistratura con serietà indaga, il Parlamento, invece di ventilare l’istituzione di strampalate commissioni di inchiesta sul nuovo presunto Russiagate all’amatriciana, dovrebbe chiedersi il perché invece non è stata ancora istituita una commissione d’inchiesta sul caso Csm, che a me pare assai più chiaro... è più preoccupante!”. Scrive il governatore Giovanni Toti su Facebook.

Pin It

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip