Skin ADV

Notizie

Bollo, Mai (Lega): “Esenzione per auto ibride anche nel 2024”

Super User 27 Dicembre 2023 722 Visite

“Per andare incontro ai cittadini che hanno acquistato auto ibride e fare in modo che anche per il 2024 possano godere dei benefici previsti dalla Regione, ho presentato, in sede di bilancio, un Ordine del giorno, approvato da tutta l’Assemblea regionale (con la sola astensione del consigliere Sansa), per valutare la possibilità, anche per il prossimo anno, in coerenza con le politiche di eco-sostenibilità già adottate dalla Liguria, di esentare dalla tassa automobilistica le auto ibride”. Lo dice in una nota Stefano Mai, capogruppo della Lega in Regione Liguria.

“La legge regionale n. 15, all’articolo 5, prevede due o tre annualità di esenzione dal pagamento della tassa automobilistica per le vetture ibride (a seconda della loro tipologia), immatricolate nel 2023. Un modo perché i cittadini non debbano trovarsi a pagare di più nell’anno venturo. Gli sconti potrebbero anche avvenire in modo proporzionale, in base alle differenti fasce di emissioni di CO2, o ponendo un tetto massimo alla potenza per le auto beneficiarie dell’esenzione”, conclude Mai.

Borse di studio, il Ministero eroga 952mila euro alla Liguria. Ferro: ‘‘40mila in più rispetto all’anno scorso”

Super User 27 Dicembre 2023 449 Visite

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha completato la procedura di erogazione a Regione Liguria delle borse di studio destinate agli studenti iscritti alle scuole superiori (secondarie di secondo grado) relative all’anno scolastico 2022/2023. L’importo complessivo è di 952mila euro ed è destinato a 3.270 studenti liguri, che possono riscuotere un voucher di 291 euro ciascuno.

“L’importo erogato dal Ministero, che ringrazio, è superiore di circa 40mila euro rispetto all’anno scolastico 2021/22 – ricorda l’assessore alla scuola di Regione Liguria Simona Ferro. – L’adesione al bando regionale gestito da Aliseo è stata buona, in linea con le aspettative: gli oltre 3mila ragazzi aventi diritto al contributo possono ritirarlo in tutti gli uffici postali del territorio nazionale. Il Ministero e la Regione continuano a lavorare efficacemente, fianco a fianco, per la promozione del diritto allo studio e il contrasto della dispersione scolastica”.

Le famiglie o, se maggiorenni, gli stessi studenti beneficiari possono ritirare il proprio contributo economico presso gli uffici postali senza necessità di utilizzare o esibire la Carta dello Studente “IoStudio”, ma semplicemente comunicando all’operatore di dover ricevere la borsa di studio erogata dal Ministero dell’Istruzione e del merito attraverso la consegna della Carta Postepay “Borsa di Studio” ed esibendo il codice fiscale e documento di identità in corso di validità.

Winter Park Genova, il 28 dicembre la mattinata riservata alle persone con disabilità

Super User 27 Dicembre 2023 474 Visite

Proseguono gli eventi del Winter Park di Genova, luna park simbolo dello spettacolo viaggiante europeo e colonna portante delle festività natalizie genovesi, che torna in città fino a domenica 14 gennaio con più di 100 attrazioni nella nuova location di Ponte Parodi. Giovedì prossimo, 28 dicembre (dalle 10 alle 12.30), torna la Mattinata dedicata alle persone con disabilità: un momento rivolto interamente ed esclusivamente ai disabili e ai loro accompagnatori, che possono usufruire gratuitamente delle attrazioni presenti. Al luna park, fresco vincitore del Lunapark Award 2023, si accede unicamente dalla Darsena, in calata Ansaldo De Mari.

Iniziata diciotto anni fa, l’iniziativa è molto attesa dalle persone con disabilità e dalle loro famiglie: nel 2022 si è infatti raggiunto il record di 3500 presenze.

«La prima volta, nel 2005, le ragazze e i ragazzi erano non più di una ventina – racconta Nadia Superina, coordinatrice dell’evento – e poi, di anno in anno, siamo diventati sempre di più attirando la partecipazione anche da altre regioni d’Italia».

«Gli organizzatori del Winter Park – prosegue Superina – sono da sempre molto attenti a queste esigenze e si impegnano sempre molto a organizzare questo evento, a cui possono partecipare tutte e tutti, sia con la famiglia, sia attraverso le molte associazioni coinvolte provenienti quest’anno da Liguria, Piemonte e Toscana, come Cepim, Anffas, Chiossone, Fa.Di.Vi, Angsa, Ass. Ligure X fragile, Emozioni Giocate, Insieme per caso, Papa Giovanni XXIII, BIC Genova e molte altre». 

«Il mondo dello spettacolo viaggiante – aggiunge Mattia Gutris, portavoce del comitato organizzativo del Winter Park – è dedicato principalmente a famiglie e ragazzi e, com’è giusto che sia, ha sempre avuto un’attenzione particolare alla solidarietà. Fin dalla prima edizione, le centinaia di persone che lavorano e compongono il Winter Park si sono attivate sempre con entusiasmo per dedicare una mattinata unicamente a chi, tutti i giorni, potrebbe avere difficoltà nel godersi a pieno le nostre attrazioni. Ed è veramente emozionante notare il numero di sedie a rotelle lasciate vuote accanto alle giostre, o vedere come tantissimi bambini con autismo riescano a provare la gioia di salire sulle tante attrazioni del Winter Park in tranquillità e sicurezza». In caso di pioggia, l’evento sarà rinviato.

Le iniziative del Winter Park proseguono la sera di domenica 31 dicembre con i festeggiamenti di Capodanno, mentre sabato 6 gennaio più befane atterrano a Ponte Parodi per regalare caramelle ai bambini.

«Le più di 100 attrazioni del Winter Park sono adatte sia per famiglie e bambini – conclude Gutris – sia per chi cerca l’adrenalina. Questi ultimi apprezzeranno sicuramente la nuova pista di Go Kart, una delle new entry di quest’anno insieme a un simulatore di realtà aumentata e all’Explorer».

AIGA, Alessandro Nicolini è il nuovo vicepresidente nazionale dei giovani avvocati

Super User 27 Dicembre 2023 647 Visite

In occasione del Consiglio direttivo nazionale tenutosi a Viterbo, l’Associazione Italiana Giovani Avvocati - una delle associazioni forensi maggiormente rappresentative che raccoglie più di 10.000 avvocati under-45 e che da anni è protagonista dell’interlocuzione dell’Avvocatura con il Governo e le forze parlamentari – ha eletto, su indicazione del presidente nazionale Carlo Foglieni, la giunta che guiderà l’associazione nel biennio 23/25.

L’avvocato genovese e past president di AIGA Genova Alessandro Nicolini è stato nominato vicepresidente nazionale.

L’ultimo ad ottenere un tale riconoscimento fu Stefano Savi, socio fondatore della sezione genovese di AIGA ed attuale vicepresidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Genova, del quale è stato presidente per lungo tempo.

Avvocato di impresa, Alessandro Nicolini arriva alla vicepresidenza nazionale dopo un lungo percorso associativo che, dal 2013, lo ha visto tesoriere, segretario e poi presidente della sezione Genovese dell’AIGA, coordinatore del Gruppo Giovani Riuniti di Genova nel 2017, tesoriere della Fondazione AIGA Tommaso Bucciarelli nel 2018 e nel 2019, e, infine, componente della Giunta nazionale dell’AIGA nel biennio appena trascorso.

“La scelta di Carlo Foglieni di indicarmi come suo vicepresidente – dichiara Nicolini – è motivo di grande orgoglio e di altrettanta responsabilità. Questo traguardo non sarebbe stato possibile senza il lavoro e il sostegno di una grande sezione, composta da tanti colleghi di valore, una sezione di cui dobbiamo andare fieri e che considero un perfetto esempio della serietà, dell’abnegazione, della qualità e dell’entusiasmo che di AIGA sono la spina dorsale. Avere grandi persone al proprio fianco fa sempre la differenza”.

“L’elezione di Alessandro Nicolini a vicepresidente nazionale dell’AIGA” – dichiara l’avvocato Luigi Cocchi, presidente dell’Ordine degli Avvocati di Genova – è il grande riconoscimento per la preziosa ed intensa attività che ha prestato in favore dell'Avvocatura e, in particolare, dell’associazione alla quale mi onoro di aver appartenuto in gioventù ed è garanzia di continuità per quei valori che hanno sempre contraddistinto l’Avvocatura Italiana nel suo ruolo sociale di difesa dei diritti: la libertà di pensiero, l’autonomia e l’indipendenza”.

“Con grande soddisfazione” – aggiunge l’avvocato Stefano Savi, vicepresidente dell’Ordine degli Avvocati di Genova ed ultimo genovese ad essere nominato Vicepresidente nazionale AIGA – saluto la nomina dell’avvocato Alessandro Nicolini a vicepresidente dell'AIGA, nel solco della tradizione che ha fatto di AIGA un pilastro dell’Avvocatura Italiana e della sua sezione genovese un costante riferimento per i giovani avvocati genovesi e per il Consiglio dell’Ordine. Per le sue doti umane, professionali e associazionistiche Alessandro merita pienamente la prestigiosa nomina, che certamente onorerà riverberando lustro sul nostro Foro. Grazie a lui rinnovo, con emozione, un antico entusiasmo e l’orgoglio di appartenenza all'AIGA, che non ho mai abbandonato, fiducioso nel futuro dell’Avvocatura e nella qualità delle persone che la compongono, come Alessandro dimostra”.

La direzione nazionale dell’AIGA sarà rafforzata dalla nomina dell’avvocato Leda Rita Corrado, Presidente di AIGA Genova, quale coordinatore del dipartimento di Giustizia Tributaria e, come tale, componente della Giunta Nazionale allargata.

Oltre alla Vicepresidente Alessandro Nicolini ed al coordinamento del dipartimento Giustizia Tributaria toccato a Leda Rita Corrado, la sezione del capoluogo ligure vede altri due componenti del proprio Consiglio Direttivo tra i professionisti nominati nella Giunta Nazionale e nei dipartimenti politici che la affiancheranno nel biennio 2023-2025: l'avvocato Valerio Botta, componente del dipartimento Crisi d'impresa, e l'avvocato Andrea Romani Grussu, componente del dipartimento di Giustizia Amministrativa.

Turismo da record in Liguria: nel 2023 circa 16 milioni di presenze

Super User 26 Dicembre 2023 334 Visite

 “Ci avviamo a chiudere l’anno traguardando o comunque sfiorando il record di 16 milioni di presenze turistiche sul territorio: è un risultato straordinario, dopo oltre 20 anni che la Liguria non raggiungeva numeri simili”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti a fronte dei dati forniti dagli uffici regionali relativi ai primi 10 mesi dell’anno.

“Ad oggi siamo a oltre 15 milioni e 700mila presenze senza i dati definitivi di novembre e dicembre, comprese le festività. Il 2015 si chiuse con 14 milioni e 328mila presenze turistiche, quest’anno ne avremo quasi 2 milioni in più:

è un grande risultato, che premia tutti gli investimenti in promozione turistica fatti in questi anni, oltre al grande lavoro svolto da tutti gli operatori del settore con sempre maggiore professionalità”, proseguono il governatore e l’assessore al Turismo Augusto Sartori.

In particolare, il dato ormai consolidato (con una rispondenza del 96,76% delle strutture) nei primi dieci mesi dell’anno è di 15 milioni e 180mila presenze, con una crescita del 3,53% (circa 520mila presenze) rispetto allo stesso periodo del 2022, con un aumento del 9,71% degli stranieri (arrivati a quota 6.929.764).

Aumentano tra gennaio e ottobre anche gli arrivi (+6,01%) che passano da 4.595.439 a 4.871.730 di quest’anno.

“Va ricordato che questi dati non considerano i turisti che soggiornano negli appartamenti in affitto ad uso turistico, non ancora soggetti alla nostra statistica – aggiunge l’assessore Sartori -: è evidente dunque la crescita della qualità dell’offerta della Liguria, che risponde sempre più alle esigenze di un turista consapevole e desideroso di vivere il territorio a 360 gradi durante i suoi soggiorni di vacanza”.

A livello provinciale, l’area metropolitana genovese supera le 4 milioni di presenze nei primi dieci mesi dell’anno (4.185.206) in crescita del 5,54% rispetto allo stesso periodo del 2022, grazie soprattutto ad un boom a due cifre (+13,4%) degli stranieri.

Positivo il dato anche per la provincia di Imperia che tra gennaio e ottobre registra 3.127.193 presenze turistiche, segnando un + 4,31% rispetto allo stesso periodo del 2022, e 876.931 mila arrivi (+5,66%).

In provincia di Savona, tra gennaio e ottobre di quest’anno le presenze superano la quota 5 milioni (5.002.803), con un aumento complessivo più contenuto (+0,37%) rispetto allo stesso periodo del 2022.

Molto positivo il dato della provincia della Spezia che nei primi dieci mesi dell’anno registra 2.863.805 presenze (+5,56%) legate soprattutto ad un aumento a doppia cifra degli stranieri (+11,51%). Gli arrivi superano quota 1 milione (1.029.702) con una crescita dell’8,90% rispetto al 2022 e, in particolare, di oltre il 16% degli stranieri (+16,65%).

Natale, il messaggio di auguri di Toti: “Chiudiamo un anno straordinario per la Liguria”

Super User 25 Dicembre 2023 1087 Visite

“Buon Natale a tutta la Liguria. Oggi è un giorno importante per chi crede e per chi non crede: con i suoi riti religiosi e laici, il Natale è un momento di unione della nostra comunità, con le nostre famiglie, i parenti, gli amici, le persone che ci sono più care. Quello che sta per finire è stato il primo anno in cui, dopo la pandemia che ci ha costretti a vivere in solitudine e nel chiuso delle nostre case tante festività come questa, siamo tornati a guardare al futuro con ottimismo, a crescere e incontrarci come comunità. Spero che sia davvero un buon Natale di affetti per tutti voi, non solo per chi è cattolico e crede nel Natale come una delle festività fondanti della nostra civiltà, ma anche per tutti quelli che lavorano nel commercio e nella ristorazione, per chi del Natale vive anche dal punto di vista delle imprese. Quello che si chiude è stato un anno importante, in cui la Liguria ha dimostrato una grande capacità di crescita. Chiudiamo un anno straordinario: gli occupati sono cresciuti come non accadeva da anni di quasi il 16% dal 2014, così come sono calati i Neet, i ragazzi che non studiano e non lavorano, segno che l’ottimismo ha prevalso. Il nostro Pil, la ricchezza complessiva che il ‘sistema Liguria’ produce, è cresciuto più di quello dell’Italia e anche di quello delle Regioni del Nord Ovest, come la Lombardia e il Piemonte, che da sempre trainano l’economia del nostro Paese. Restano, certo, molte le incertezze nel futuro: la guerra russo-ucraina con il suo carico di dolore, di morti e di profughi che anche noi ospitiamo nella nostra regione, il nuovo conflitto in Medio Oriente, quella guerra israelo-palestinese che non riusciamo a fermare, e poi ancora la crisi del Canale di Suez, che lancia un’ombra di preoccupazione sui traffici mondiali e per la quale si sta correndo al riparo. Nonostante tutto questo, il nostro sistema economico sociale e il sistema di imprese del nostro territorio ha dimostrato una gigantesca vitalità: ce lo dicono l’esportazione dei nostri prodotti, da quelli agroalimentari come il pesto, che stiamo portando come ambasciatore della Liguria in giro per il mondo, ma ce lo dicono anche i numeri del turismo con quasi un 4% di crescita dopo un 2022 che era già stato straordinario per i risultati ottenuti. Non molti territori del nostro Paese e del Mediterraneo possono dire lo stesso. I nostri turisti, anche gli stranieri, sono cresciuti quasi del 4% mentre in altre Regioni abbiamo visto un segno meno dell’1-1,5%: anche questo è segno di una grande vitalità, che dimostra come la Liguria sia tornata ad essere visibile e di moda. Tutto questo vuol dire posti di lavoro, occupazione, ricchezza, prospettive per i nostri giovani.

Nella legge di bilancio della Regione, la legge con la quale programmiamo le politiche del nostro prossimo futuro, abbiamo voluto spingere ancora più avanti la Liguria ma senza lasciare nessuno indietro, a cominciare dalle persone più deboli e fragili. Abbiamo confermato 16 milioni di euro per aiutare le gravissime disabilità, abbiamo deciso di non aumentare l’abbonamento ai pendolari che usano i treni anche se nel 2024 l’intera flotta regionale di 43 treni sarà completamente rinnovata, diventando la flotta più moderna di questo paese, che avevamo ereditato come quella più vecchia. Abbiamo deciso che chi va a scuola fino ai 19 anni non deve pagare l’abbonamento del treno e chi va all’università fino ai 26 anni debba avere uno sconto del 50%. Per aiutare tante famiglie in un inverno demografico, che è il vero problema dell’Italia e della nostra regione, tutte le famiglie possono avere asili nido gratuiti se guadagnano meno di 35mila euro di Isee sociale. Tanti ragazzi potranno frequentare palestre e centri sportivi con la Dote Sport da oltre due milioni di euro della Regione. Visto che l’inflazione ha fatto tanto male alle nostre tasche, in questi mesi abbiamo deciso di far correre la Liguria, dare posti di lavoro, creare ricchezza, occupazione, futuro con le 1000 infrastrutture in costruzione in questo momento che stanno cambiando la faccia del nostro territorio, senza dimenticarci di chi è rimasto più indietro e di chi vuole andare veloce come la nostra Liguria e magari avere uno o due figli, cosa che è una benedizione per loro ma è anche una necessità per l’intero nostro territorio.

Vi auguro una splendida giornata, auguri a tutti quelli che oggi stanno lavorando pe noi, come le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, chi lavora su qualche banchina portuale a garantire la sicurezza delle nostre infrastrutture, oltre ai tantissimi infermieri, operatori sanitari, tecnici e medici che lavorano nei nostri ospedali e nelle nostre Rsa prendendosi cura dei cittadini più fragili. Si critica molto la sanità che, certo, vive un momento di difficoltà: è sempre più difficile per errori del passato, non attribuibili a nessuno di noi, avere medici e infermieri perché servono professionalità per le quali occorrono anni e anni di studio e di lavoro perché possano operare. Però bisogna tenere conto che nei nostri ospedali lavorano con tanta buona volontà tantissimi professionisti di straordinaria qualità e generosità e a loro bisogna dare anche una mano e del sostegno, non solamente delle critiche. In questa legge di stabilità abbiamo investito altri 50 milioni di euro proprio per non scordarci dei tanti cittadini che aspettano un esame diagnostico, con le gare per farne di più che sono già partite, o piccole operazioni che magari non comportano un rischio di vita ma recano comunque un grave disturbo alla vita di ciascuno.

Credo che sarà un Natale di ottimismo e lo sarà ancora di più la fine dell’anno, dato che ci sarà un gran momento di visibilità con feste e concerti in diretta televisiva: Genova sarà ancora una volta la capitale di queste feste sulle reti nazionali con uno straordinario concerto. Quello che occorre trovare sotto l’Albero sono soprattutto l’energia e la voglia di essere ottimisti e di credere nel futuro. Un grande presidente americano, Roosevelt, diceva che ‘l’unico limite alla comprensione del domani sono i nostri dubbi di oggi’. Noi oggi non dobbiamo avere dubbi sul fatto che il domani sarà migliore, perché questa è la direzione che abbiamo intrapreso, questa è la nostra capacità, dimostrata in tragedie come quella del ponte Morandi, nelle grandi mareggiate che hanno spazzato le nostre coste, nel saper recuperare il nostro territorio da tante calamità che ci hanno reso più forti, senza intaccare in alcun modo il nostro spirito e la nostra voglia di guardare avanti.

Quindi, prendendoci una giornata di riposo, io vi auguro ancora una volta buon Natale con i vostri familiari, e soprattutto vi auguro di recuperare quelle energie di cui avremo bisogno tutti insieme per correre veloci a partire dal prossimo anno.

Buon Natale a tutti e buon Natale alla Liguria”.

Ospedale San Martino, il valore del team multidisciplinare per la cura del tumore epatico

Super User 23 Dicembre 2023 648 Visite

LE INTERVISTE DI GENOVA3000

L'importanza per il paziente di essere seguito da una squadra multidisciplinare di professionisti, l'accesso a strutture di eccellenza in grado di offrire tutte le risposte, la possibilità di usufruire delle innovazioni diagnostiche e terapeutiche e degli avanzamenti della ricerca. Sono tutti aspetti fondamentali nella cura di una delle prime cause di morti oncologiche nel mondo: l'epatocarcinoma (Hcc).

In Italia, nel 2023, sono state stimate oltre 12.000 nuove diagnosi mentre in Liguria sono previsti 300 nuovi casi di epatocarcinoma ogni anno. Il "Ruolo e valore del team multidisciplinare per la cura del tumore epatico, l'esperienza del San Martino" è stato il tema al centro di una tavola rotonda ospitata a Genova nel centro congressi del policlinico. L'iniziativa è stata promossa da Roche con il patrocinio dell'associazione EpaC, punto di riferimento per chi soffre patologie epatiche, ed è una delle tappe del roadshow "Uniti e vicini ai pazienti con epatocarcinoma".

Un anno fa, la Regione Liguria istitutiva i Disease management team (Dmt) per il paziente oncologico.

“I pazienti presi in carico nel primo anno sono stati 152 - spiega Annamaria Pessino, coordinatrice del Dmt neoplasie gastroenteriche dell'ospedale policlinico San Martino -. Dalla creazione di questo team abbiamo osservato come la gestione multidisciplinare sia imprescindibile: il coinvolgimento di diverse competenze mediche permette di definire la strategia più appropriata per un paziente complesso come il malato di Hcc, che spesso presenta situazioni di comorbidità”. Oltre a epatologi, chirurgi, oncologi e radiologi, il team del San Martino ha a disposizione anche la figura del "navigator nurse", ovvero "un'infermiera specializzata che lavora in collaborazione con il team fornendo supporto emotivo a pazienti e familiari", aggiunge Pessino.

Il tumore si sviluppa prevalentemente in persone che soffrono di cirrosi a causa di epatite cronica e abuso di alcol o sindromi dismetaboliche e si manifesta tipicamente in stati avanzati e difficili da trattare. Il dato di sopravvivenza dell'epatocarcinoma a cinque anni dalla diagnosi è del 22%. Un altro aspetto affrontato nel corso della tappa genovese del roadshow è stato l'effetto della malattia sulla qualità di vita di pazienti e famiglie.

"È fondamentale che queste persone possano reperire facilmente le informazioni- sottolinea Massimiliano Conforti, vicepresidente di EpaC- il nostro sforzo come associazione è indirizzato però anche a diffondere conoscenza sui fattori di rischio e sulla diagnosi precoce per evitare che i pazienti scoprano della malattia quando è ormai di difficile trattamento".

Il team del San Martino definisce un trattamento personalizzato sul paziente in base alle patologie esistenti e pregresse, alle riserve funzionali epatiche e alla rapidità della diagnosi con il supporto di linee guida all'interno della struttura ospedaliera. Una delle unità del San Martino più coinvolte in questo gioco di squadra è quella di Chirurgia epatobiliare e trapianti d'organo, diretta da Enzo Andorno: "E' importante che il chirurgo trapiantologo possa agire in sincronia con gli specialisti, dopo una resezione ad esempio potrebbe esserci il rischio di un'insufficienza epatica e dobbiamo essere in grado di contrastarla- afferma- inoltre, per un trapianto d'organo è necessario tenere conto di alcuni parametri per selezionare i pazienti, in modo che abbiano più possibilità di vivere a lungo dopo l'intervento". Nel corso della tavola rotonda si è parlato anche delle prospettive di cura e di immunoterapia. In tal senso, sono cruciali i progressi nell'ambito della radioterapia.

"Può essere utilizzata in tutti gli stadi dell'epatocarcinoma- spiega Almalina Bagicalupo, dirigente medico dell'unità operativa di radioterapia oncologica del San Martino- in particolare, oggi è possibile usare la radioterapia stereotassica, tecnica avanzata che prevede dosi molto elevate in modalità circoscritta e consente di migliorare il controllo tumorale".

Lega Genova, la cena natalizia con il vice ministro Rixi fa sold out

Super User 23 Dicembre 2023 723 Visite

“È stata una bellissima serata ‘da tutto esaurito’ ieri sera per scambiarci gli auguri e per passare un po’ di tempo insieme. Grazie a tutti i presenti, amici, sostenitori, militanti e rappresentanti delle istituzioni, per aver portato sorrisi, idee e momenti di scambio. Abbiamo concluso un 2023 non sempre semplice, ma che ha anche saputo dare prova del fatto che la squadra della Lega quando è unita vince”. Così Francesca Corso, segretario della Lega per la provincia di Genova.

“Ringrazio il segretario regionale Edoardo Rixi e il segretario provinciale Francesca Corso per aver voluto organizzare la cena provinciale nel territorio della sezione che ho l'onore di rappresentare - dice Davide Manerba, segretario della sezione Golfo Paradiso -. Per noi sarà un 2024 molto importante, caratterizzato dagli appuntamenti elettorali di Recco, Sori, Avegno e Uscio, tutti comuni nei quali la Lega sarà piena protagonista e sarà decisiva per un esito favorevole al centrodestra. Abbiamo tanti amministratori uscenti e militanti pronti a mettersi in gioco e a ricoprire ruoli importanti nelle future amministrazioni”.

Bando regionale per le edicole, assessore Piana: “Investimenti per 172 mila euro”

Super User 23 Dicembre 2023 403 Visite

Dieci edicole liguri sono pronte a investire 172 mila euro per ampliare l'offerta dei propri prodotti e servizi, con un'agevolazione a fondo perduto richiesta a Regione pari a 54 mila euro. È quanto emerge alla chiusura del bando regionale dedicato all'innovazione e la valorizzazione degli esercizi commerciali dedicati alla vendita della stampa quotidiana e periodica. 

“Una risposta, a tratti sorprendente, che premia l'attenzione regionale nel raccogliere le esigenze di un settore che rappresenta ancora oggi un presidio importante per i nostri territori - spiega l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana - In più, grazie all'emendamento in manovra di bilancio, approvato ieri in consiglio regionale, siamo confidenti di poter garantire la disponibilità economica a tutte le domande che verranno ritenute ammissibili”.

I progetti presentati, da avviare o avviati a partire dal 1° gennaio 2023 (purché non conclusi alla data di presentazione della domanda di agevolazione) riguardano: le opere di miglioramento della struttura dei punti vendita (inclusi gli arredi pertinenziali), l’acquisto di dotazioni informatiche per l'erogazione di servizi e informazioni (vetrine digitali, totem interattivi, touch screen, licenze software e internet); le attrezzature, le strumentazioni o i macchinari utili al miglioramento e all'ampliamento dei servizi (in particolare per l’informazione turistica e logistica).

Staglieno, So.Crem ha celebrato i suoi 120 anni con 160 studenti di Medicina

Super User 22 Dicembre 2023 1176 Visite

LE INTERVISTE DI GENOVA3000 

Si è celebrato quest’oggi, venerdì 22 dicembre, il 120° anniversario della concessione da parte del Comune di Genova nell’area del cimitero di Staglieno destinata al Tempio crematorio. Un evento che fu eccezionale nel 1903 e che resta oggi un momento di grande importanza. Perché So.Crem, in questi 120 anni, è stata soprattutto un’istituzione che ha saputo promuovere e sostenere progetti sociali, attività culturali, convegni e ricerche offerte gratuitamente alla cittadinanza.

Presenti il presidente di SoCrem, Ivano Malcotti, e tra i rappresentanti delle istituzioni l’assessore del Comune di Genova con delega ai servizi cimiteriali, Marta Brusoni, il consigliere regionale ligure Pippo Rossetti e il parlamentare ligure Luca Pastorino.

L’occasione è stata ricordata con una serie di iniziative di rilevante valore culturale, andate in scena tra il mattino e il pomeriggio. Al mattino è stato organizzato un laboratorio “a cielo aperto” per gli studenti della Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Genova. 160 studenti del corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia guidati dalla professoressa Rosagemma Ciliberti (professore associato di Bioetica e Storia della Medicina) e dalla professoressa Linda Alfano (professore a contratto di Bioetica e Psicologia generale), dall’architetto Stefano Repetto e dallo storico Paolo Fontana, hanno visitato i sepolcri di illustri medici e studiosi che hanno contribuito al progresso della scienza, alla umanizzazione della medicina ed alla diffusione delle cure sanitarie anche al di là del territorio genovese.

“La storia della medicina e le complesse e intricate questioni morali legate alla morte si apprendono e si approfondiscono non solo dalle pagine di libri o attraverso lezioni in aula - commenta Ciliberti - ma anche attraverso una pratica insolita e coinvolgente come la visita guidata al maestoso Cimitero Monumentale di Staglieno che So.Crem ha oggi organizzato e donato ai nostri studenti”.

Ivano Malcotti si è soffermato sul “Valore sociale e aperto alla città di So.Crem che dal 2022 è un ente morale del terzo settore che non persegue fini di lucro. Noi oggi ricordiamo un passato in cui a risaltare è prima di tutto lo spirito di servizio per la città”.

Attraverso la guida delle docenti sono stati ricordati alcuni insigni cittadini che hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia della scienza medica, della cura e della riflessione bioetica e che sono sepolti nel cimitero di Staglieno, come il professor Edoardo Maragliano, ideatore e realizzatore della prima vaccinazione antitubercolare, con i suoi tre figli: Dario, chirurgo; Vittorio, pioniere e vittima della radiologia; Giulio, anatomo patologo. Un altro ricordo per Aldo Franchini, esimio maestro della Scuola Medico Legale genovese e preside della Facoltà di Medicina nei difficili anni ’70, a Tullio Bandini, chirurgo che per primo utilizzò protesi metalliche nelle correzioni chirurgiche del ginocchio, a Edoardo Guglielmino, meglio noto nella città di Genova come "il medico della mala", per i suoi contributi alla cura delle classi svantaggiate del centro storico.

La visita si è inoltre soffermata presso la tomba di Giuseppe Mazzini la cui salma, su sollecitazione di molti seguaci fu sottoposta da Paolo Gorini a inediti processi di conservazione per pietrificazione. Gli studenti hanno anche onorato la memoria di Giannina Gaslini alla quale è intitolato uno dei più importanti ospedali pediatrici d’Italia e il sepolcro dell’ingegner Cesare Parodi, che ha progettato e supervisionato la costruzione dell’Ospedale Galliera.

All’interno del laboratorio itinerante attori del Teatro Sociale dell’Ortica hanno ridato vita a Luigi Maria D'Albertis, fondatore dell’Ente So.Crem e a Mario Capello, autore della storica canzone dialettale genovese “Ma se ghe pensu”.

Al pomeriggio, il professor Giacomo Montanari, al termine di un breve concerto, ha ricordato soprattutto il valore artistico e storico del cimitero di Staglieno: “L’iniziativa rappresenta un modo nuovo per favorire la conoscenza del patrimonio culturale, storico, artistico e architettonico della città e per approfondire la comprensione del contesto sociale e valoriale”, ha detto. 

L'assessore Marta Brusoni e il presidente Ivano Malcotti

Regione stanzia 300mila euro per la morosità incolpevole, Scajola: “Supporto concreto per chi è in difficoltà”

Super User 22 Dicembre 2023 520 Visite

Ammonta a 300mila euro lo stanziamento approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore alle Politiche abitative ed Edilizia Marco Scajola, come sostegno alla morosità incolpevole.

I fondi sono ripartiti tra le quattro Arte del territorio ligure (Imperia, Savona, Genova e La Spezia) e andranno a dare un supporto agli assegnatari che sono in difficoltà nei pagamenti del canone di locazione e dei servizi accessori.

Tra le possibili cause di morosità incolpevole rientrano: disoccupazione, malattia e altre motivazioni valutabili di volta in volta dall’apposita Commissione istituita all’interno delle Arte.

“Anche quest’anno stanziamo queste importanti risorse per sostenere chi è più in difficoltà – spiega l’assessore regionale Marco Scajola -. 300mila euro per dare supporto a chi ha perso lavoro o ha subito una grave mancanza e non riesce a pagarsi le spese. Oltre agli imponenti lavori strutturali che stiamo portando avanti da Ventimiglia a Sarzana in materia di edilizia popolare, proseguiamo dunque nelle buone pratiche messe in campo dalla nostra amministrazione regionale”.

Regione, Toti: “Via libera a manovra da oltre 7 miliardi improntata a sviluppo e equità sociale”

Super User 22 Dicembre 2023 579 Visite

“Sono molto soddisfatto per l’approvazione definitiva di questa manovra di bilancio da oltre 7 miliardi di euro improntata alla crescita e all’equità sociale. È una manovra coraggiosa, la più imponente degli ultimi 8 anni che garantirà non solo ingenti investimenti nei settori strategici come le infrastrutture, la difesa del suolo, la rigenerazione urbana, il turismo ma anche una serie di importanti sostegni economici alle famiglie, a partire dagli asili nido gratuiti (con un Isee sociale fino a 35mila euro), un sostegno per i figli che praticano attività sportiva grazie ai 2 milioni di euro stanziati per la Dote Sport (con reddito Isee fino a 35mila euro), la gratuità degli abbonamenti al trasporto ferroviario per gli under19 e analogamente uno sconto del 50% per gli under26 nel tragitto tra casa e scuola/università/centro di formazione, a prescindere dal reddito. Sono risorse che mettiamo nelle tasche dei cittadini. Abbiamo anche condiviso alcuni emendamenti con le minoranze per garantire, ad esempio, un maggiore supporto ai centri antiviolenza per 200mila euro, un contributo alla Fondazione Antiusura da 150mila euro a sostegno delle persone in sofferenza economica e uno da 150mila euro per il Banco Alimentare, un finanziamento da 30mila euro per le associazioni che accompagnano in mare le persone disabili, la presenza dello psicologo territoriale nei distretti e le agevolazioni a sostegno dei medici che operano in zone disagiate. Voglio ringraziare i consiglieri, anche di opposizione, per il senso di responsabilità dimostrato durante la discussione in aula, nell’interesse dei liguri”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti subito dopo l’approvazione della manovra finanziaria in Consiglio regionale. 

Tra le novità a partire dal 2024, l’avvio sperimentale dell’insegnamento dell’inglese negli asili e nelle scuole materne attraverso la formazione degli insegnanti su base volontaria, lo stanziamento di 500mila euro per garantire ai proprietari over60 di animali d’affezione, in relazione all’Isee, la prima visita gratuita dal veterinario e, per quanto riguarda il turismo, l’estensione anche alle strutture alberghiere ed extralberghiere della possibilità di attrezzare aree con allestimenti 'glamping', per coniugare la bellezza della vita all’aria aperta a contatto con la natura con i servizi in stile resort. 

Tra le principali voci di spesa indicate nella manovra, 4,27 miliardi di euro sono destinati alla sanità con 50 milioni di euro dedicati all’abbattimento delle liste d’attesa in aggiunta alle risorse del Pnrr per le Case e gli Ospedali di Comunità e a quelle per realizzare i nuovi ospedali come il Felettino e l’Ospedale Unico di Taggia.

Previsti inoltre 358 milioni di euro ai trasporti, circa 146 milioni a lavoro e formazione professionale, 285 milioni di euro per il sostegno allo sviluppo economico e alla competitività, 155 milioni per la diversificazione delle fonti energetiche, 2,6 milioni di euro per opere di ripascimento, pulizia, sicurezza e accessibilità delle spiagge per le persone disabili.

Stanziati 120 milioni per i servizi sociosanitari con la conferma dei fondi per 16,5 milioni di euro destinati alle persone con gravi disabilità per sostenere il pagamento delle rette delle strutture residenziali e semiresidenziali a cui si aggiungono circa 30 milioni di euro destinati al Fondo per la non autosufficienza (misure a sostegno gravi e gravissime disabilità, progetti ‘Vita indipendente’ e ‘Dimissioni protette’) oltre a circa 2 milioni per il fondo ‘Dopo di noi’.

Nella direzione del sostegno alla crescita e alla competitività, Regione stanzia inoltre 113 milioni di euro stanziati nel Fondo Strategico 2024-2026 che serviranno, tra l’altro, per circa 50 opere di rigenerazione urbana su tutto il territorio e per un piano biennale da 20 milioni di euro di interventi per la manutenzione straordinaria e opere strutturali di messa in sicurezza dei principali rivi della Liguria. Una misura, quest’ultima, che va ad aggiungersi alle risorse stanziate annualmente dalle Regione a favore degli Enti locali per le manutenzioni ordinarie e che integra la semplificazione varata lo scorso anno con l’autorizzazione quinquennale per le manutenzioni dei rivi da parte dei Comuni.

Stanziati anche 3 milioni di euro a favore della Provincia della Spezia per la realizzazione del nuovo ponte di Ceparana.

Importanti investimenti sono previsti dalla manovra anche nel comparto Cultura e Spettacolo: senza tener conto delle risorse Pnrr, la manovra prevede oltre 19 milioni di euro tra spesa corrente e investimenti, ad esempio a sostegno del sistema dei teatri (che per l’annualità 2024 beneficerà di 3 milioni di euro), di istituzioni culturali (come Palazzo Ducale, Istituti Storici della Resistenza, Istituzioni culturali e Museo dell’Emigrazione Italiana), iniziative culturali e di spettacolo promosse dal mondo associativo e dai Comuni e la valorizzazione dei beni culturali e della loro fruizione digitale.

Confermato anche per il 2024, a seguito dell’accordo raggiunto con le organizzazioni sindacali confederali, il ‘Fondo straordinario per la riduzione della pressione fiscale’ (Irpef) con una dotazione di 5 milioni di euro: la detrazione riguarderà le famiglie con figli a carico e con un reddito imponibile fino a 28 mila euro (per i soggetti con almeno due figli a carico viene confermata la detrazione base pari a 40 euro per ciascun figlio a carico, aumentata a 45 per ciascun figlio disabile riconoscendo quest’ultima misura anche ai contribuenti con un solo figlio a carico se disabile).

“A questa ingente mole di risorse si aggiungono gli oltre 260 milioni di euro dal Fondo Sviluppo e Coesione che serviranno per realizzare già dal 2024 importanti interventi sul nostro territorio, ad esempio sulle strade secondarie o le piste ciclabili, sull’edilizia residenziale pubblica, sulla cultura con risorse per i nostri teatri, sugli impianti sportivi, grazie all’accordo sottoscritto a settembre con il governo, per primi tra le Regioni italiane”, ricorda Toti. In particolare, attraverso i fondi FSC saranno stanziati circa 20 milioni di euro tra il 2024 e il 2025 per interventi di recupero e acquisto di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica. 

“Questa manovra – conclude il governatore – si inserisce in un quadro complessivo di ripresa economica della Liguria, confermata dagli ultimi dati congiunturali a disposizione: il mercato del lavoro registra il massimo storico di addetti nelle imprese liguri con un correlato aumento del tasso di occupazione ligure superiore sia al dato nazionale che al dato del nord ovest mentre i dati delle Camere di Commercio registrano nel terzo trimestre 2023 il massimo della serie storica di addetti delle unità locali, sfiorando quota 500mila, con un incremento del 15,9% rispetto al 2014. Crescono l’export, il turismo, il settore crocieristico: con questa manovra - conclude Toti - garantiamo una decisa spinta alla spesa pubblica per investimenti, con effetti positivi sull’occupazione e sul nostro tessuto economico produttivo”.

Forza Italia Genova, lo staff del coordinatore Mascia: “Facce nuove, teste pensanti e metodo Bucci”

Super User 21 Dicembre 2023 1619 Visite

Alla prima riunione del coordinamento genovese di Forza Italia, conclusasi con un brindisi di auguri natalizi, è stato completato l'organigramma del partito, disegnato dal neo eletto coordinatore azzurro della Grande Città di Genova Mario Mascia, avvocato penalista, già capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale nella passata consiliatura ed ora assessore del Bucci bis a Urbanistica, Edilizia Privata, Demanio Marittimo, Sviluppo Economico, Lavoro e Relazioni sindacali.

“Il congresso di Forza Italia Grande Città di Genova è stato un successo di iscritti e di partecipazione - dichiara Mascia -. Non a caso è stato seguito con particolare attenzione dai nostri vertici nazionali, che ci hanno dato un grande supporto coi settori Adesioni e Organizzazione: ringrazio per tutti il nostro segretario nazionale, il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani, il nostro responsabile Enti locali e capogruppo a Palazzo Madama Senatore Maurizio Gasparri e  l'onorevole Maurizio Casasco, già presidente della Confapi - Confederazione italiana della piccola e media industria, in oggi presidente della Federazione Medico Sportiva Italiana, che ha presieduto il congresso ed assolto gli adempimenti statutari con grande cura e professionalità. Quel che più ha colpito anche i media intervenuti è che non hanno fatto mancare la loro presenza tanti storici rappresentanti ed esponenti dei partiti e delle liste civiche del centrodestra ligure, per buona parte ex forzisti, che hanno accolto di buon grado il mio invito e sono intervenuti per salutare con favore il nuovo corso genovese di Forza Italia”.

“Nella scelta del nuovo board - prosegue Mascia - abbiamo dato spazio a facce nuove e teste pensanti che saranno chiamate a lavorare per Forza Italia Genova esattamente con lo stesso metodo di lavoro del sindaco Bucci che sto apprendendo giorno dopo giorno, mese dopo mese, in questa nuova esperienza assessorile per Genova: un metodo che richiede  innanzitutto la presenza costante, ad occhi aperti e voce alta, nei ruoli istituzionali ricoperti per mandato elettivo; quindi l'impegno concreto ancorato ad un cronoprogramma condiviso e ad un metodo di lavoro scandito da verifiche periodiche di rendimento. Ogni tot ci saranno dei tagliandi di revisione perché i meccanismi vanno oleati anche nei mezzi più performanti. Per usare un'altra metafora, le seggiole sono fragili per tutti ma la squadra è forte quando tutte le seggiole fragili lavorano insieme come team. Nessuno ha la garanzia di restare per tutto il mandato congressuale, nemmeno io”.

“Nella nuova Giunta esecutiva del partito - annuncia Mascia - ci siamo attenuti ad un rigoroso rispetto della parità di genere e del merito, valorizzando donne e uomini che negli ultimi anni si sono distinti per professionalità ed impegno nelle iniziative del partito. Vice coordinatrice, con deleghe ai settori amministrazione, tesoreria ed elettorale, è stata nominata Donatella Pallotta, commercialista, assessore del Municipio Medio Levante, colonna portante di tutte le ultime campagne elettorali di Forza Italia regionali, comunali e politiche; responsabile settore Organizzazione è Simone Allarmati, giovane studente universitario e attivissimo Presidente del Comitato Sì Skymetro; responsabile Settore Adesioni è Emma De Gregori, impiegata esperta in customer care e sempre presente agli eventi di partito; responsabile Settore Enti Locali è Alessandro Lionetti, key account manager aziendale, che non si è mai mosso da Forza Italia, già responsabile dei Giovani e dei Club Forza Silvio di Forza Italia; responsabile Settore Dipartimenti è Nello Sammarco, attivissimo capogruppo di Forza Italia al Municipio VII Ponente, che anche in questa veste continuerà a fornire al partito il suo apporto sul territorio e il suo spirito di iniziativa; responsabile Settore Comunicazione ed Immagine è Maria Paola Dagnino, già professoressa al liceo classico statale "Andrea D'Oria", figlia dell'indimenticato parlamentare DC, primo presidente della Regione Liguria e presidente della Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Gianni Dagnino; responsabile Settore Formazione è l'avvocato Matteo Savio, già locale presidente della FUCI - Federazione Universitaria Cattolica Italiana; portavoce è l'avvocato lavorista Clizia Ghiglione, balzata agli onori delle cronache nell'ultima campagna elettorale per le comunali genovesi quando scelse di candidarsi per spirito di servizio col pancione dell'ottavo mese di gravidanza; responsabile Settore Rapporti con gli Alleati è Ferruccio Barnaba, avvocato penalista di chiara fama, storico esponente di Forza Italia anche come consigliere provinciale dal 1997 al 2000; responsabile Settore Principi, Valori e Memoria Storica è Guido Grillo, già consigliere decano e vice presidente del Consiglio comunale in Sala Rossa, leader del Movimento Seniores di Forza Italia”.

“Accanto ai responsabili dei Settori - conclude il coordinatore azzurro - per adesso ho chiamato a far parte del mio staff, che è ancora in progress, Fabio Orengo, ingegnere elettronico e project manager di Liguria Digitale, già consigliere del Municipio Medio Levante dal 1997 al 2017 e suo presidente dal marzo 2011 al febbraio 2012, come delegato ai rapporti con industria 4.0; Massimo Corte, manager che vanta una consolidata esperienza nello shipping, presidente e CEO di una società di spedizioni marittime, come delegato ai rapporti con realtà portuale e logistica; Enzo Carozzi, attivissimo esponente dei Seniores di Forza Italia, come delegato ai servizi elettorali; Roberto Foscoli, agente immobiliare, come delegato ai rapporti con gli eletti e i delegati di municipio; Luca Marcato, commercialista, già Coordinatore dei Giovani di Forza Italia Genova, maestro di taekwondo e tecnico della Nazionale italiana di ParaTaekwondo, come delegato ai rapporti col mondo dello sport e dell'inclusione sociale; Luisella Delle Piane, già consigliere e presidente dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro di Genova e provincia, come delegata ai rapporti con gli ordini professionali; Simone Bodio, avvocato, come delegato ai rapporti con le comunità straniere; Marcia Birmana Bravo, già candidata per Forza Italia in Municipio III Genova Bassa Valbisagno, come delegata ai rapporti con le associazioni ecuadoriane; Paola Listuzzi, già candidata per Forza Italia alle ultime elezioni comunali, delegata ai rapporti con le associazioni dilettantistiche; Lorenzo Patti, docente di scienze infermieristiche presso l'università di Genova e il CISEF Centro Internazionale di Studi e Formazione Germana Gaslini, come delegato ai temi socio sanitari; Nunzio Rondoni, capogruppo di Forza Italia nel Municipio VI Medio Ponente, come delegato al progetto Sestri”.

Lutto nella politica ligure: malore fatale per il consigliere regionale Sauro Manucci

Super User 21 Dicembre 2023 676 Visite

Si è sentito male al termine della cena degli auguri del centrodestra ligure e a nulla è servito il tentativo di rianimarlo, prima nel ristorante di Carignano e poi all’ospedale Galliera. È morto così Sauro Manucci, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale e figura storica della destra spezzina. Aveva 70 anni.

Alla cena era presente anche il governatore Giovanni Toti.
“La morte improvvisa di Sauro ci lascia sgomenti e profondamente addolorati – scrive Toti -. Solo poche ore fa eravamo insieme, con tutta la nostra maggioranza, per scambiare gli auguri di Natale, e poco dopo è arrivata la drammatica notizia. Perdiamo un collega, un uomo delle istituzioni e della politica, da tanti anni impegnato in Liguria e per i liguri. In questo momento non si possono aggiungere altre parole se non quelle di affetto rivolte alla sua famiglia e a tutte le persone a lui care. A loro va il nostro abbraccio e le nostre più sentite condoglianze".

Tempio crematorio di Staglieno, le celebrazioni per i 120 anni di So.Crem al servizio della città

Super User 21 Dicembre 2023 832 Visite

Sarà un appuntamento davvero storico, quello in programma domani, 22 dicembre, al Tempio crematorio del Cimitero Monumentale di Staglieno. La So.Crem, la storica Società Genovese di Cremazione, ente morale del terzo settore che non persegue fini di lucro, celebrerà i 120 anni della concessione da parte del Comune di Genova dell'area del cimitero di Staglieno destinata alla costruzione del Tempio crematorio. Un evento che fu eccezionale nel 1903 e che resta oggi un momento di grande importanza, perché So.Crem, in questi 120 anni, è stata soprattutto un’istituzione che ha saputo promuovere e sostenere progetti sociali, attività culturali, convegni e ricerche offerte gratuitamente alla cittadinanza.

A ricordare le vicende storiche sarà, alle 15:30, presso il Tempio crematorio, il professor Giacomo Montanari. Sarà un momento significativo, alla presenza delle istituzioni e delle autorità, nell’ambito di una giornata ricca di appuntamenti. Al mattino, dalle 10:00, è stato organizzato un laboratorio a cielo aperto per gli studenti della Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Genova. Sarà un momento aperto alla città, cui parteciperanno 160 studenti del corso di laurea in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria guidati da Rosagemma Ciliberti, professore associato di Bioetica e Storia della Medicina, visiteranno i sepolcri di illustri studiosi che hanno contribuito al progresso della scienza e alla umanizzazione ed alla diffusione delle cure sanitarie nel territorio genovese. 

Si tratta di una iniziativa senza precedenti promossa grazie all’impegno della professoressa Ciliberti e del presidente di So.Crem Ivano Malcotti, con la collaborazione dei discendenti di insigni medici che hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia della medicina e che sono sepolti nel cimitero di Staglieno, tra cui il professor Edoardo Maragliano, ideatore e realizzatore della prima vaccinazione antitubercolare, i suoi tre figli: Dario, chirurgo, Vittorio, pioniere e martire della radiologia, Giulio, anatomo patologo; il dottor Edoardo Guglielmino, meglio noto nella città di Genova come "il medico della mala" per i suoi contributi alla cura delle classi svantaggiate del centro storico. 

 

ECCO LE 10 TAPPE NELLA STORIA 

TAPPA 1 Cappella dei Suffragi (Pantheon) - visita alla Tomba del prof. Edoardo Maragliano 

TAPPA 2 Porticato Superiore di Levante - Visita alla Tomba del Dott. Domenico Bomba - A cura dell’Arch. Stefano Repetto

TAPPA 3 Boschetto dei Mille - Visita alla Tomba di Giuseppe Mazzini - A cura di Lidia Schichter

Nel passaggio: si incontra al numero 25 (verde scuro) la tomba De Scalzi – finanziatore padiglione San Martino 

TAPPA 4 Porticato Inferiore di Levante - Visita alla Tomba di Giannina Gaslini - A cura della Prof.ssa Linda Alfano

TAPPA 5 Visita al Cinerario Comune, dove sono conservate le ceneri del Dott. Edoardo Guglielmino - A cura del Dott. Ivano Malcotti 

TAPPA 6 Visita al Tempio Crematorio - Interviene Raffaele Casagrande del Teatro sociale dell'Ortica, che interpreta Luigi Maria D’Albertis

TAPPA 7 Campo 13, Semicircolare - Visita alla Tomba dei Professori Aldo Franchini e Tullio Bandini  - A cura della Prof.ssa Rosagemma Ciliberti  

Nel passaggio si incontra la Tomba D’Albertis – Ospedale San Martino

TAPPA 8 Porticato Semicircolare - Visita alla Tomba dell’Ing. Cesare Parodi che progettò l’Ospedale Galliera 

TAPPA 9 Campo 10, Semicircolare - Visita alla Tomba di Mario Cappello - Interviene Andrea Benfante - Teatro sociale dell'Ortica, che canta “Ma Se Ghe Penso” 

TAPPA 10 Porticato Inferiore Frontale (Levante) - Visita alla Tomba di Luigi Pastorini medico chirurgo, che ritrae una suora Cappellona - A cura del Dott. Paolo Fontana 

Fusione Ire e Sviluppo Genova, Toti “Nasce colosso pubblico delle infrastrutture ed energia”

Super User 20 Dicembre 2023 485 Visite

Via libera alla fusione tra Ire Spa (Agenzia regionale ligure Infrastrutture Recupero Energia), la società in house di Regione Liguria nata nel 2014 da tre società tecniche regionali nell’ambito della riorganizzazione delle partecipate, e Sviluppo Genova Spa, società in house del Comune di Genova per la valorizzazione del territorio attraverso la gestione di processi di trasformazione e rigenerazione per creare nuove opportunità di investimento e occupazione. Oggi è stato stipulato l’atto di fusione tra Ire Spa e l’incorporata Sviluppo Genova. A seguire si è svolta l’assemblea della neo nata società che ha deliberato, tra l’altro, i componenti del Cda: Luca Piaggi è il presidente, Sebastiano Gattorno il vice presidente, Sergio Del Re è l’amministratore delegato e Stefano Baggio il direttore generale. Consiglieri sono Alessandra Manara e Maria Fabianelli.

I dipendenti sono circa 70 e il fatturato complessivo di 19 milioni di euro.

“Oggi nasce il nuovo colosso pubblico delle infrastrutture e dell’energia – dichiara il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti - Siamo molto soddisfatti per questa operazione di aggregazione che consente di dotare la Liguria di una società altamente specializzata e strutturata per interventi strategici in infrastrutture, opere pubbliche ed energia, col raggiungimento di obiettivi europei e di messa a terra di investimenti legati al Pnrr. Questa è anche un’operazione di razionalizzazione organizzativa, di ottimizzazione dei costi e di aumento dell’efficienza di uno strumento pubblico essenziale per poter affrontare al meglio le sfide future per lo sviluppo di questo territorio”.

“Questa operazione consente a Genova e alla Liguria di unire le forze di Ire e Sviluppo Genova per perseguire nuovi obiettivi – dichiara il sindaco di Genova Marco Bucci -. Un complesso di competenze integrate specialistiche in settori come le infrastrutture, l’energia e la riqualificazione urbana e ambientale che da oggi lavoreranno in sinergia per il bene del nostro territorio. Un’operazione che consentirà anche di migliorare la gestione delle risorse aumentando l’efficienza, un passo fondamentale per far fronte agli innumerevoli investimenti effettuati a Genova e in Liguria grazie ai fondi del Pnrr e non solo. Dopo anni ricchi di soddisfazioni e di intenso lavoro, oggi inizia un nuovo importante capitolo. Grazie a tutti coloro che hanno collaborato per il raggiungimento di questi successi”, chiosa Bucci.

A220: aereo della tratta Genova-Roma, nella flotta di molte compagnie nel mondo

Super User 20 Dicembre 2023 528 Visite

È un aereo che conoscono molto bene i genovesi che abitualmente volano da Genova alla Capitale, perché è il modello che solitamente opera lungo questa tratta, vitale e quella con il maggior numero di passeggeri dal nostro Cristoforo Colombo. Si tratta dell’Airbus A220, un po’ più piccolo rispetto ai 319 o 320 che venivano in genere usati da Ita per lo stesso collegamento.

Ma si tratta di un autentico gioiello del volo e della tecnologia che si sta affermando in tutto il mondo per tratte fino a 6300 chilometri, quanta è la sua autonomia. Ed è di questi giorni la notizia che Lufthansa ne ha ordinati altri 40, acquistando europeo perché Airbus è azienda targata Ue ed è vanto mondiale dell’aviazione.

Il modernissimo A220-300 è il modello maggiore della famiglia A220; può trasportare da 120 a 150 passeggeri e volare per 3.400 miglia. È pure aereo ecologico in quanto offre una riduzione del 25% dei consumi di carburante e delle emissioni di CO2 per poltrona, rispetto alla generazione precedente. Un dato che rallegra chi ama l’aria pulita e l’ambiente. L’A220 vanta inoltre della cabina, delle poltrone e dei finestrini molto ampi, garantendo comfort decisione notevole.

Opera utilizzando fino al 50% di carburante per l’aviazione sostenibile ed entro il 2030 tutti gli aeromobili commerciali, militari e gli elicotteri prodotti da Airbus saranno in grado di operare con il 100% di Saf.

A fino novembre Airbus contava su 849 ordini da 31 clienti per l’A220, dei quali 303 sono già stati consegnati, con 18 Compagnie che usano l’aereo su 1.350 rotte.

E ad ulteriore conferma che l’industria aeronautica europea funziona bene c’è il fatto che EasyJet ha confermato un ordine per 157 aeromobili della serie A320neo, che raggruppa gli aerei a corridoio singolo, che hanno registrato un totale di oltre 18.000 ordini da quasi 140 clienti in tutti i mercati. L'A321neo è dotato di motori di nuova generazione per cui riduce il rumore del 50% e risparmi di carburante e CO2 di oltre il 20% rispetto alla precedente generazione di aeromobili a corridoio singolo.

A oggi sono stati ordinati oltre 5.600 A321neo da più di 100 clienti in tutto il mondo. 

Dino Frambati

Sanità, Brunetto (Lega) sulle liste d’attesa: “Il Pd perde un’ottima occasione per tacere”

Super User 20 Dicembre 2023 701 Visite

“Sappiamo perfettamente che anche in Liguria ci sono lunghe liste d’attesa. Non viviamo su Marte e stiamo intervenendo nel miglior modo possibile, tenendo conto del fatto che la richiesta di prestazioni è in costante aumento e nel settore della sanità c’è crisi di risorse umane, peraltro non soltanto nella nostra regione”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale della Lega e presidente della II commissione Salute e Sicurezza sociale Brunello Brunetto.

“In ogni caso - prosegue Brunetto -, i punti sui quali si stanno focalizzando i nostri sforzi per risolvere la situazione sono essenzialmente tre. Primo: la messa disposizione di un’importante cifra, 50 milioni di euro, per effettuare prestazioni aggiuntive utili ad aumentare il numero di prestazioni a disposizione degli utenti del Servizio Sanitario Regionale. Secondo: una maggiore attenzione all’appropriatezza delle prestazioni considerato l’elevato numero di esami diagnostici richiesti, soprattutto radiologici, che tuttavia risultano inopportuni, visto e considerato che, per esempio, in Liguria la cosiddetta ‘over prescription’ riguarda il 30% delle prestazioni richieste. Terzo: una doverosa maggiore attenzione affinché le liste d’attesa siano rispettate dal SSR, ma anche dagli utenti con conseguente necessità che una persona che non intende effettuare l’esame o sia impossibilitato a farlo ne dia tempestiva comunicazione, per tempo, affinché il posto lasciato vacante possa essere occupato da altro utente del SSR”.

“Poiché il tema centrale dell’ordine del giorno a mia prima firma, che ho presentato venerdì scorso, verteva su questo ultimo aspetto, condivisibile ed etico, non si capisce l’immotivato attacco dei consiglieri regionali del Pd, i quali, come spesso accade, fanno soltanto un’inutile demagogia senza avanzare idonee proposte costruttive a vantaggio degli utenti del SSR della Liguria. Hanno perso un’ottima occasione per tacere”, conclude il consigliere regionale della Lega.

Università di Genova, intitolata a Sofia Sacchitelli un’aula della facoltà di Medicina e Chirurgia

Super User 20 Dicembre 2023 548 Visite

“Aula Sofia Sacchitelli, studentessa del corso di Laurea in Medicina e Chirurgia e fondatrice dell’associazione Sofia nel Cuore”, recita la targa. Con una solenne cerimonia, la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Genova ha dedicato l’aula N°5, da 250 posti, alla memoria di Sofia Sacchitelli, la studentessa del quinto anno scomparsa a marzo 2023 a causa di un angiosarcoma cardiaco.

Solo pochi giorni prima della sua scomparsa, Sofia era diventata un simbolo nella lotta alle malattie rare. Aveva infatti fondato l’Associazione “Sofia nel Cuore”, per promuovere la raccolta fondi e la ricerca finalizzate allo studio della neoplasia da cui era affetta.

Alla cerimonia erano presenti il Rettore dell’Università degli Studi di Genova Federico Delfino e il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia Piero Ruggeri, che hanno ricordato il conferimento a Sofia della Medaglia d’Oro dell’Università degli Studi di Genova il giorno 9 marzo 2023 ed hanno annunciato l’avvio dell’iter per la laurea honoris causa. Sono quindi intervenuti gli Assessori Simona Ferro e Lorenza Rosso, in rappresentanza rispettivamente di Regione Liguria e Comune di Genova.

Tra i 250 ospiti che hanno assistito alla cerimonia, c’erano gli Onorevoli Ilaria Cavo e Matteo Rosso, il Tenente Colonnello dell’Esercito Italiano Gianluca Casella e numerosi rappresentanti delle istituzioni civili e militari e del mondo accademico e scientifico genovese.

La targa commemorativa è stata scoperta da Ilaria Sacchitelli, sorella maggiore di Sofia e Presidente dell’Associazione “Sofia nel Cuore”, accompagnata in questo gesto simbolico da Sara Sulfaro, compagna di studi di Sofia. “Da oggi chi entrerà in quest’aula vedrà il nome di Sofia, ricorderà la sua storia e si emozionerà per la sua forza nella malattia e per la sua generosità verso gli altri – ha commentato Ilaria Sacchitelli – Sofia ci ha lasciato 9 mesi fa, solo 10 ne sono passati dal giorno in cui ha dato vita al suo grande progetto: per questo sono molto orgogliosa di comunicare che, in un tempo così breve, l’Associazione Sofia nel Cuore ha già raccolto 250.000 euro, di cui 150.000 sono già stati devoluti all’Italian Sarcoma Group, a favore della ricerca scientifica finalizzata allo studio dell’angiosarcoma cardiaco”.

Chi desidera supportare il progetto di Sofia può farlo destinando il 5 per mille o effettuando una donazione.

Cinque Terre, assessore Sartori: “Diversificate le tariffe ferroviarie per distribuire l'afflusso di turisti”

Super User 19 Dicembre 2023 404 Visite

“Le Cinque Terre non sono un bancomat e non lo sono certamente per la Regione Liguria che in questi anni ha investito molto in quel territorio: basti ricordare i 12 milioni di fondi regionali investiti sulla Via dell'Amore - con un investimento complessivo di oltre 21 milioni di euro - che entro la prossima primavera sarà terminata”. Così l'assessore regionale al Turismo e ai Trasporti Augusto Sartori risponde ai rappresentanti delle associazioni territoriali che ha manifestato oggi davanti al Consiglio regionale.

“L'aumento delle tariffe - prosegue Sartori - non è stato deciso per un motivo economico-finanziario ma per far si che il flusso turistico venga distribuito in maniera uniforme durante tutti i mesi dell'anno. L'obiettivo è che nei mesi primaverili e autunnali si possa dirottare alle Cinque Terre quella presenza di turisti che oggi è presente soprattutto a luglio, ad agosto, nei fine settimana o quando arrivano le navi da crociera. Quindi differenziando le tariffe, così come fanno gli alberghi o le compagnie aeree, si riuscirà ad avere un afflusso controllato specialmente dei turisti provenienti dall'estero”.

“Registriamo che per l'ennesima volta il Partito Democratico, a rotazione, cavalca l'onda di protesta di queste associazioni: adesso è il turno del consigliere Natale - aggiunge Sartori - A lui chiedo come mai non abbia a cuore il fatto che, grazie a questi rincari per i turisti, gli studenti liguri potranno viaggiare gratuitamente sui treni regionali. Evidentemente per lui, così come ai suoi colleghi di partito, si tratta di un'agevolazione di poco conto. Così come di poco conto per il Pd è il fatto che i residenti e i proprietari di seconde case alle Cinque Terre potranno avere l'80% di sconto sugli abbonamenti, che verranno incrementati i treni nella fascia notturna a luglio e agosto e nei fine settimana di giugno e settembre a tutto vantaggio degli operatori turistici e che i sindaci delle Cinque Terre, di cui alcuni del suo partito, potranno ricevere un contributo da 500 mila euro da investire in opere pubbliche nel loro Comune”.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

Genova Sport 2024