Skin ADV

Notizie

#Pesto Masterpiece of Liguria, il mega mortaio approda a Milano

Super User 04 Aprile 2024 663 Visite

Il mega mortaio di #Pesto Masterpiece of Liguria, la campagna di promozione turistica lanciata da Regione Liguria, è approdato a Milano: oggi l’installazione che rappresenta in maxi formato gli ingredienti e gli strumenti necessari per creare il pesto, simbolo inconfondibile della tradizione enogastronomica ligure, ha gettato l’ancora nel centro di Milano, in Darsena.

Dal 5 al 7 aprile questa location sarà al centro di un ricco calendario di appuntamenti e attività: chi passeggerà in Darsena lato mercato si troverà davanti ad una vera e propria isola del pesto, con gazebi che sabato e domenica distribuiranno trofie al pesto a pranzo e in orario di aperitivo, sdraio per godersi il sole con gli occhiali color pesto brandizzati e scuole di pesto a partecipazione gratuita.

Tra gli appuntamenti più attesi, domani alle 18, la tappa eliminatoria della nuova edizione del Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio, che a Milano vedrà la sfida tra 10 concorrenti davanti ad una giuria d’eccezione (tra i giurati, lo chef Roberto Panizza); il migliore parteciperà all’edizione del Campionato Mondiale 2025.

Bolzaneto, al via il cantiere per la trasformazione dell’ex mercato

Super User 04 Aprile 2024 526 Visite

Approvato dalla giunta comunale, su proposta del vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi, il progetto definitivo per la riqualificazione dell’ex mercato comunale coperto di Bolzaneto, in via Bonghi. L’intervento ha ottenuto il finanziamento di 2,6 milioni di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza e permetterà la rigenerazione dell’immobile destinandolo a usi sociali e di quartiere. Le risorse del Pnrr sono state implementate con 500 mila euro dal Comune di Genova per la realizzazione di spazi sportivi.

«È un intervento molto richiesto dai cittadini e su cui in questi anni abbiamo lavorato in stretta sinergia con il territorio, già dalle prime progettualità – spiega il vicesindaco Piciocchi – l’ex mercato diventerà una casa a servizio del quartiere, con spazi moderni, dotati di sistemi innovativi per l’efficientamento energetico, fruibili dal mondo dell’associazionismo locale e dalle famiglie. Oltre a locali polifunzionali, una balconata dotata di sale e una grande piazza coperta, l’edificio avrà una scenografica facciata verde e una palestra per l’arrampicata per la pratica sportiva e su cui come amministrazione investiremo risorse per 500 mila euro».

Sulla copertura verrà anche installato anche un orto didattico. «Dopo il progressivo spopolamento da parte delle attività commerciali presenti, fino alla chiusura definitiva quasi dieci anni fa – commenta il consigliere delegato allo Sviluppo delle vallate Alessio Bevilacqua - l’ex struttura mercatale è rimasta senza una vocazione precisa. Finalmente, grazie alla capacità di intercettare i fondi governativi del Pnrr, implementati anche da risorse comunali per la palestra di roccia, oltre che uno spazio dedicato che potrà ospitare molteplici attività sportive, Bolzaneto e tutta la Val Polcevera potranno avere uno spazio per la socialità dove potranno svolgere le proprie attività tante realtà associative, coniugando lo sport a momenti ludici e didattici rivolti ai giovani e ai più piccoli, rispondendo alla richiesta del territorio di spazi aggregativi, funzionali e moderni».

Carlo Bartelli nuovo capo della Squadra Mobile genovese

Super User 03 Aprile 2024 640 Visite

Vertice della Squadra Mobile di Genova rinnovato con l’insediamento di Carlo Bartelli, primo dirigente della Polizia di Stato e ora dirigente della Mobile in via Diaz.

Succede a Gianfranco Minissale, che attraversa quasi tutta l’Italia e va ad assumere la guida sempre di Squadra Mobile ma a Reggio Calabria.

Bartelli ha 56 anni, è laureato in Giurisprudenza ed è romano, ma quello che più conta nel delicato compito che lo attende è che vanta esperienza notevole proprio nelle Squadre Mobili, dove ha operato con successo e competenza e varietà geografica, avendo in queste avuto impegno di coordinamento e gestione di indagini importanti un po’ tutto il Nord Italia.

In particolare ha guidato la Mobile di Sondrio per oltre vent’anni, ma il suo curriculum vitae ci informa che è stato pure dirigente della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, della Digos, e reggente della Divisione Anticrimine e di Dirigente del Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica di Sondrio.

Nel 2022 è stato designato a capo della Squadra Mobile di Verona.

Un poliziotto dunque di lungo corso, che pare adeguato al ruolo di dirigente di Polizia in una città come Genova, complessa, dai molti e vari aspetti ma anche dalle varie problematiche spesso complicate.

Una nomina che porta ulteriore novità presso la Questura del capoluogo ligure, dopo che da un mese c’è stato il rinnovo addirittura del numero uno della struttura con l’arrivo di Silvia Burdese quale questore.

Poliziotto che ha dimostrato, fin dai primi giorni, grande esperienza, capacità di dialogo e doti organizzative in un momento storico in cui la gestione dell’ordine pubblico appare assai faticosa e difficile e pare essere soggetta più a critiche per un qualunque minimo evento, piuttosto che al riconoscimento di un lavoro difficile, rischioso e che tutela ogni giorno la comunità civile nel rigoroso rispetto delle regole, che invece sono completamente disattese e ignorate da chi delinque, commette reati e cerca di affermarsi con la violenza.

Meriti ed impegno che si dovrebbero invece quotidianamente riconoscere alle donne ed agli uomini in divisa. 

Dino Frambati

Ape Confedilizia Genova apre uno sportello dedicato al Superbonus

Super User 03 Aprile 2024 834 Visite

Entro giovedì prossimo, 4 aprile, andrà inviata all’Agenzia delle Entrate la comunicazione relativa all’opzione per la prima cessione del credito o lo sconto in fattura relativamente alle spese sopportate nel 2023 per il Superbonus e per gli altri bonus edilizi per i quali le opzioni sono possibili (ex art. 121, d.l. n. 34/2020, come convertito).

La stessa proroga al 4 aprile è stata disposta anche per le opzioni relative alle rate residue non fruite delle detrazioni per bonus edilizi riferite alle spese sostenute negli anni 2020, 2021 e 2022.  Rispettare questa scadenza è di estrema importanza, in quanto con il decreto-legge approvato la scorsa settimana, tra le altre strette disposte, è stata pure eliminata la possibilità di sanare un eventuale ritardo nell’invio delle comunicazioni in questione, utilizzando il meccanismo della remissione in bonis e pagando la sanzione di 250 euro.

Ape Confedilizia Genova, con il presidente Vincenzo Nasini, ricorda l'apertura di uno sportello dedicato, lo “Sportello post Superbonus” attivo nella sede genovese di Ape Confedilizia, in via XX Settembre 41: il servizio dedicato funzionerà poi tutti i mercoledì dalle 10 alle 12 (per info e prenotazioni telefono 010565149 oppure 010565768). Esperti in campo legale, fiscale e tecnico sono pronti a supportare i proprietari di casa e gli amministratori di condominio per ridurre al minimo i rischi e i danni in cui è possibile incorrere. Si ricorda che con lo stesso decreto citato in premessa è stato anche disposto che, al fine di acquisire tempestivamente le informazioni necessarie per il monitoraggio dell’ammontare dei crediti derivanti dalle opzioni per lo sconto in fattura e per la cessione del credito, la sostituzione delle predette comunicazioni inviate dall’1 al 4 aprile 2024 è consentita solo entro il 4 aprile 2024. Sempre entro giovedì prossimo, 4 aprile, l’amministratore di condominio dovrà, ai fini della dichiarazione precompilata, inviare all’Agenzia delle entrate la comunicazione contenente i dati relativi alle spese sostenute nel 2023 per lavori sulle parti comuni degli edifici (interventi di recupero del patrimonio edilizio, antisismici e di riqualificazione energetica; superamento ed eliminazione di barriere architettoniche; acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici per l'arredo delle parti comuni, bonus “verde”, superbonus) con indicazione delle quote di spesa imputate ai singoli condòmini. Nella comunicazione deve essere specificato se la detrazione sia stata oggetto di cessioni di credito o dello sconto in fattura.

Sulla base dei dati pubblicati da Enea, il totale dei lavori realizzati ammessi a detrazione è pari al 92,9% per gli edifici unifamiliari e al 94,7% per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti. In Liguria i numeri sono in linea: di 6.502 edifici, per un totale di un miliardo e mezzo di euro di investimenti, e i lavori sono stati ultimati al 78% per 1 miliardo e 170 milioni circa.

Regione Liguria, al via il bando da 150mila euro per gli enti di promozione sportiva

Super User 03 Aprile 2024 558 Visite

È partito il bando di Regione Liguria destinato agli enti di promozione sportiva che prevede lo stanziamento di 150mila euro per finanziare progetti destinati a promuovere il valore sociale, educativo e formativo della pratica sportiva.

“Regione Liguria torna a sostenere gli enti di promozione sportiva con l’approvazione di un bando ad essi dedicato, riconoscendone la preziosa attività sul territorio – spiega l’assessore allo Sport di Regione Liguria Simona Ferro – La Giunta regionale vuole veicolare con forza un messaggio importante: praticare attività fisica a tutte le età e in qualsiasi forma promuove il benessere e la salute psicofisica di tutta la cittadinanza. È uno dei principi cardine della nostra nomina a Regione Europea dello Sport 2025 ma che intendiamo mettere in pratica fin da subito anche attraverso questo bando, con la speranza che la misura possa avere il successo che merita”.

Le iniziative proposte dovranno essere gratuite e potranno svolgersi sia in luoghi chiusi, quali palestre e impianti, sia all’aperto in spazi pubblici e privati destinati allo sport di cittadinanza. I destinatari finali sono tutti i cittadini, con particolare attenzione alle categorie fragili o comunque a rischio emarginazione e dipendenza vita sedentaria. I progetti dovranno avere durata minima di 3 mesi e concludersi non oltre il 31/12/2024.

Il valore massimo del contributo a ciascun progetto è di 30mila euro. Avranno un punteggio maggiore le proposte destinate a coinvolgere categorie significativamente fragili e vulnerabili nonché persone affette da forme di dipendenza a rischio di emarginazione e sedentarietà.

Tutte i progetti per cui si richiede un contributo dovranno essere presentati entro le ore 12 del 2 maggio 2024 esclusivamente attraverso la nuova piattaforma dei bandi on line della Regione Liguria all’indirizzo https://sportellonline.regione.liguria.it/

Aree interne della Liguria, apre il bando efficientamento energetico degli edifici pubblici

Super User 03 Aprile 2024 476 Visite

Sono 50 i comuni dell'entroterra ligure potranno accedere al bando regionale, già attivo, da un milione di euro a sostegno dell'efficientamento energetico degli edifici pubblici (o ad uso pubblico) delle aree interne delle Valli dell'Antola e del Tigullio, del Beigua-Sol, dell'Alta Valle Arroscia e della Val di Vara. Un contributo a fondo perduto che Regione Liguria riconosce a copertura massima del 100% degli interventi effettuati dai Comuni, anche su più immobili, a patto che la somma complessiva delle superfici calpestabili efficientate sia pari almeno a 100 mq.

Sono consentite spese tra cui: la coibentazione dell'involucro edilizio, la sostituzione dei serramenti, la realizzazione di pareti ventilate/giardini verticali/tetti verdi, l'installazione di sistemi schermanti o dispositivi per il controllo automatizzato, acquisto di impianti solari termici o di altro impianto alimentato da fonte rinnovabile destinato all'autoconsumo (nel limite del 20%), l'efficientamento del sistema di illuminazione o di trasporto (es. ascensori o scale mobili) e la creazione di una rete di teleriscaldamento. Gli interventi, per essere ammessi a finanziamento regionale, dovranno essere realizzati e rendicontati entro il 30 novembre 2024.

"È la prima grande opportunità a supporto delle quattro aree interne riconosciute a livello nazionale, che hanno sottoscritto con Regione Liguria il protocollo d’attuazione dell’investimento territoriale integrato - sottolinea l'assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana - Un'occasione che consentirà ai 50 comuni coinvolti di richiedere contributi a fondo perduto che possono raggiungere addirittura il 100% degli investimenti effettuati per ridurre le emissioni inquinanti e il fabbisogno energetico dei propri immobili, nella misura massima di 150 mila euro. Un importante sostegno economico che ci auguriamo di poter estendere presto ai comuni delle altre aree interne liguri, che stanno portando avanti la definizione della strategia d'area, propedeutica per arrivare all'intesa regionale".

I comuni coinvolti sono: 16 nell’area interna “Valli dell’Antola e del Tigullio” (Bargagli, Borzonasca, Davagna, Fascia, Fontanigorda, Gorreto, Lumarzo, Mezzanego, Montebruno, Ne, Propata, Rezzoaglio, Rondanina, Rovegno, Santo Stefano d'Aveto, Torriglia); 10 nell’area interna del “Beigua-Sol” (Campo Ligure, Masone, Mele, Mioglia, Pontinvrea, Rossiglione, Sassello, Stella, Tiglieto, Urbe); 11 nell’area interna della “Valle Arroscia” (Armo, Aquila d'Arroscia, Borghetto d’Arroscia, Cosio d'Arroscia, Mendatica, Montegrosso Pian Latte, Pieve di Teco, Pornassio, Ranzo, Rezzo, Vessalico); 13 nell’area interna “Val di Vara” (Beverino, Borghetto di Vara, Brugnato, Calice al Cornoviglio, Carro, Carrodano, Maissana, Pignone, Riccò del Golfo, Rocchetta di Vara, Sesta Godano, Varese Ligure, Zignago).

La misura, a valere sull'azione 5.2.1 delle PR FESR 2021-2027, prevede un importo massimo concedibile a domanda di 150 mila euro e ritiene ammissibili anche interventi avviati a partire dal 1° luglio 2023, purché non conclusi.

I Comuni interessati potranno presentare domanda fino al 18 aprile via PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., allegando una relazione illustrativa dell'intervento proposto che riporti la superficie utile calpestabile (espressa in mq), la riduzione del fabbisogno annuale di energia primaria prevista (in MWh/anno) e, a fini della premialità, il valore della diminuzione annuale dei gas a effetto serra (in tonnellate di CO2 equivalente/anno).

Sanità, Toti: “Le prestazioni risultano prescrivibili nei tempi previsti dalla legge”

Super User 02 Aprile 2024 705 Visite

“In Liguria, la stragrande maggioranza delle prestazioni monitorate dall’Osservatorio risultano ad oggi prescrivibili nei tempi previsti dalla legge, rispettando i relativi codici di priorità”. Così il presidente della Regione Giovanni Toti in merito ai dati diffusi in questi giorni dall’Osservatorio Nazionale Welfare e Salute.

Per visita cardiologica, visita ginecologica, Tac al torace, risonanza magnetica ed ecografia all’addome, nel territorio della ASL 3, azienda sanitaria che include circa la metà di tutta la popolazione ligure, il tempo d’attesa previsto viene garantito, come si evince dal report della stessa azienda aggiornato al 1° aprile. L’analisi riportata dall’Osservatorio mostra invece, in valore percentuale, quante volte sono stati rispettati i tempi d’attesa previsti per le specialità indicate. Aggiornando i dati in tempo reale è possibile apprezzare il miglioramento dei tempi d’attesa che si è verificato da marzo 2024, per lo stesso tipo di prestazioni.

“L’inversione di tendenza – spiegano il presidente Giovanni Toti e l’assessore alla Sanità Angelo Gratarola - è frutto di una serie di azioni, legate all’acquisto di prestazioni dal privato accreditato, senza oneri per il cittadino, al potenziamento dell’offerta delle aziende sanitarie locali e all'attività di ottimizzazione dei processi. Da qualche settimana 120mila prestazioni fra risonanze magnetiche, tac, ecografie e raggi sono già a disposizione liguri in tutte le Asl e quindi in tutti i territori della Liguria. Alisa ha infatti concluso a inizio marzo tutte le procedure per la manifestazione di interesse per sette milioni e quattrocentomila euro per l’acquisto dal privato accreditato di prestazioni di diagnostica. Le liste d'attesa per la diagnostica per immagini si sono ridotte drasticamente rispetto ai primi due mesi dell’anno. Questo provvedimento rientra in un quadro di aumento dell'offerta che riguarda la specialistica ambulatoriale per rispondere alla domanda crescente di prestazioni di diagnostica per immagini, ma anche altri settori: nel campo della specialistica ambulatoriale, che comprende anche prime visite, follow up, riabilitazione, già nel 2023 rispetto all’anno precedente, è stata registrata una crescita di prestazioni pari al cinque per cento. Recentemente si è aperto il secondo bando di quest’anno che riguarda l'attività di cardiochirurgia e di cardiologia interventistica, a cui seguiranno quelli relativi a ortopedia e chirurgia”.

Rispetto ai valori riportati dall’Osservatorio Nazionale Welfare e Salute, le uniche tra visite e prestazioni le cui attese sono ancora superiori a quanto previsto, risultano quelle riferite alla visita urologica (ma per le urgenze i tempi sono rispettati) e all’endoscopia digestiva.

“Per quest’ultima prestazione – aggiunge l’assessore alla Sanità Angelo Gratarola - influiscono negativamente le note difficoltà a individuare il personale specialistico necessario e strutture del privato accreditato sul territorio che possano contribuire a rispondere alla domanda crescente di prestazioni. Al fine di contenere i tempi all’interno di quanto previsto dalla norma sono in atto processi di riorganizzazione all’interno delle Asl”.

Turismo, Liguria e Toscana fanno sistema: presentata l’Area Vasta Ligure Apuana

Super User 02 Aprile 2024 546 Visite

“Siamo di fronte ad un ottimo progetto che mira ad integrare territori molto vicini tra loro, costruendo una sinergia che unisce i punti di forza di ognuno e offrendo tantissime opportunità ed esperienze diverse ai turisti che li visitano. In pochi chilometri possiamo contare sulla Val di Magra e la Val di Vara, sulla Lunigiana con i suoi castelli, su tutta la bellezza del Golfo della Spezia: sono luoghi che dai turisti internazionali, abituati a grandi distanze, vengono visti come raggiungibili in poco tempo. I visitatori possono così osservare degli scorci meravigliosi del nostro Paese, con cambi repentini di paesaggio che spaziano dal mare alla montagna: un’esperienza unica davvero preziosa per la crescita turistica”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, oggi alla Spezia per la presentazione del protocollo d’intesa e del logo identificativo dell’Area Vasta Ligure Apuana.

L’iniziativa, con capofila il Comune della Spezia, punta a promuovere un turismo coordinato e integrato tra i Comuni compresi nel “Distretto Turistico Val di Magra e Unione dei Comuni della Val di Vara" e dei Comuni del "Distretto Turistico delle Valli di Apua". Presenti anche il ministro al Turismo Daniela Santanchè, l’assessore regionale al Turismo Augusto Sartori, il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini e l’assessore al Turismo del Comune della Spezia Maria Grazia Frijia. “Credo che l’iniziativa presentata oggi sia un esempio concreto di quella integrazione tra realtà vicine che si aiutano le une con le altre che permette non solo di razionalizzare la distribuzione dei visitatori su un’area più vasta, evitando quei sovraffollamenti che a volte rendono poco piacevoli le vacanze, ma anche per di mettere insieme settori e offerte turistiche che hanno ancora molto spazio di crescita”, conclude il presidente Toti.

“La Spezia svolge una fondamentale funzione di regia nell’ambito del progetto Area Vasta Ligure Apuana, insieme all’Alta Toscana e alla Lunigiana, che ha come scopo lavorare insieme in una partnership virtuosa capace di generare esperienze immersive e personalizzate da vivere in tutte le stagioni dell’anno – aggiunge l’assessore al Turismo di Regione Liguria Augusto Sartori - A ciò si collega la prima edizione di Bitesp che avrà luogo tra qualche giorno proprio alla Spezia e che rappresenta un riconoscimento del percorso intrapreso dall’amministrazione comunale, affiancata dalle azioni della Regione, che ha portato ad un sostanziale cambiamento della percezione della città sempre più posizionata come destinazione turistica con un ruolo centrale e non più di supporto. L'evento è l'occasione per raccogliere le sfide connesse alle dinamiche mutevoli della domanda turistica. La Regione agisce per valorizzare l’offerta turistica della Liguria e agevolare la creazione di esperienze memorabili capaci di rispondere alle esigenze dei viaggiatori”.

 

Piano Banda Ultralarga, Garibaldi: “Serve una svolta per chiudere velocemente i lavori in Liguria”

Super User 02 Aprile 2024 479 Visite

 

“Occorre una svolta e attivarsi per mettere in atto ogni iniziativa per portare a termine i lavori del Piano Banda Ultralarga in Liguria, soprattutto per i comuni del nostro entroterra. In tal senso, ho presentato un’interrogazione che è stata discussa oggi in aula”. Lo ha dichiarato in una nota il consigliere regionale della Lega e presidente della commissione Attività produttive Sandro Garibaldi.

“Recentemente - prosegue la nota -, infatti, la Corte dei Conti ha denunciato sensibili ritardi sullo stato di avanzamento del Piano a livello nazionale, posto sotto il controllo del Ministero delle Imprese e del Made in Italy. I cantieri in Italia risultano fermi al 74% e a oggi la Liguria risulta essere la regione più penalizzata, con uno stato di avanzamento dei cantieri fermo al 47%. Su 198 Comuni liguri che devono essere raggiunti dalla fibra cablata, 36 risultano con cantieri terminati e connessi alla rete, 63 con i lavori eseguiti, ma non ancora connessi perché manca ancora il collegamento tra reti locali e rete nazionale, 99 con i cantieri ancora in corso o in partenza. Regione Liguria ha già finanziato il progetto con oltre 30 milioni di euro”.

“L’assessore regionale Alessio Piana - aggiunge Garibaldi - ha spiegato in aula che, fermo restando la competenza nazionale, Regione Liguria si è attivata fornendo supporto a Open Fiber, Infratel e Comuni del territorio, di concerto con Anci, per la firma delle convenzioni operative. Inoltre, si è lavorato per ottenere i permessi, anche con Anas, per realizzare i lavori e si sono programmati costanti tavoli (con scadenza mensile) con i vari referenti a livello interregionale e nazionale”.

“Su questa tematica così importante continuerò a monitorare l’avanzamento del Piano Banda Ultralarga in Liguria perché ritengo che sia un’opera primaria per i residenti e per lo sviluppo delle aziende del nostro territorio”, conclude il consigliere regionale della Lega.

#Pesto Masterpiece of Liguria arriva in Darsena a Milano dal 5 al 7 aprile

Super User 01 Aprile 2024 526 Visite

 

Londra, Sestriere e Sanremo, adesso Milano. La campagna #Pesto Masterpiece of Liguria arriva nel capoluogo lombardo, uno dei luoghi più riconoscibili a livello internazionale e città particolarmente importante per il turismo ligure, dalla quale provengono, storicamente, molti dei visitatori che scelgono la nostra regione per le vacanze.

Dal 5 al 7 aprile il gigantesco mortaio con tanto di pestello, simbolo dell’enogastronomia e delle tradizioni liguri sarà installato sulla Darsena, lato mercato, e sarà accompagnato, come nelle altre tappe, da una serie di attività a tema pesto.

“Oltre all’imponente mortaio, che è già di per sé un’icona, capace non solo di attirare l’attenzione ma di comunicare, in modo semplice e diretto, un messaggio – spiega il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -, le persone si troveranno davanti a una vera e propria isola del pesto, con gazebi che sabato e domenica distribuiranno trofie al pesto a pranzo e in orario di aperitivo, sdraio per godersi il sole con gli occhiali color pesto brandizzati e scuole di pesto a partecipazione gratuita. Un maestro d’eccezione, lo chef Roberto Panizza, spiegherà tutti i passaggi di questa eccellenza della tradizione ligure. Un appuntamento che ha come obiettivo far conoscere sempre di più la nostra terra su questo mercato, tra i più importanti per il settore, e consolidare ulteriormente una presenza storica ed estremamente fidelizzata. Oltre a questo – aggiunge Toti – vogliamo portare il mortaio gigante, e il pesto, a Milano per rendere ancora più visibile la Liguria vista l’importanza economica, mediatica e culturale di questa città”.

“La presenza a Milano della campagna #Pesto Masterpiece of Liguria con l'ormai famoso mega mortaio gonfiabile è una tappa che riscuoterà sicuramente un grandissimo successo – aggiunge l'assessore regionale al Turismo Augusto Sartori - La Lombardia è il bacino più importante a livello nazionale e internazionale per il turismo ligure: infatti, nonostante l’enorme crescita del turismo internazionale in Liguria, cresciuto del 9% in termini di arrivi nel 2023 rispetto al 2022, le presenze di turisti provenienti da quella regione nel 2023 sono state più di 3 milioni e 200 mila”.

Venerdì 5 aprile alle ore 18 proprio Roberto Panizza sarà il giudice della tappa eliminatoria della nuova edizione del Campionato Mondiale di Pesto al Mortaio, che ripartirà subito dopo la conclusione della X edizione, avvenuta il 23 marzo. A Milano, 10 concorrenti si sfideranno: il migliore parteciperà all’edizione del Campionato Mondiale 2025.

Il grande interesse per il pesto alla Genovese è confermato sia in Italia che nel Mondo con oltre 40 mila ricerche mensili e 200 milioni di risultati (fonte: motore di ricerca Google, marzo 2024).

La campagna #Pesto: Masterpiece of Liguria sta generando grande interesse: i risultati delle precedenti tappe sono confermati dai dati dell’hashtag #lamialiguria che, nella prima settimana di novembre 2023, in occasione della tappa londinese, ha registrato più di 1.300.00 impression e più di 250.000 interazioni con i post pubblicati sui social. In questo caso, la campagna ha generato oltre 600mila visualizzazioni delle clip e oltre 3,6 milioni di utenti raggiunti.

Nella tappa di Sestriere invece la campagna ha ottenuto 3,5 milioni di impression su 1,6 milioni di utenti raggiunti.

Inoltre, le campagne hanno conseguito anche un elevato livello di ingaggio degli utenti con un elevatissimo numero di interazioni e click (quasi 9.000 azioni) che indica un alto "stupore" e interesse per l'iniziativa.

Pasqua, Toti: “Auguri a tutti i liguri, a chi lavora nella sanità, per la sicurezza e nel turismo”

Super User 31 Marzo 2024 450 Visite

“Buona Pasqua a tutti, una festa importante per la nostra tradizione cristiana cattolica e per le famiglie, per trascorrere due giorni con gli affetti più cari e gli amici. Voglio rivolgere i miei auguri soprattutto a chi sta lavorando, in particolare nei nostri ospedali e nei pronto soccorso, alle forze di sicurezza del Paese, in questo momento non facile in Europa e nel mondo. Auguri anche a chi lavora negli alberghi, nei bar, nei ristoranti, nelle attività commerciali, alla vigilia di una stagione turistica che siamo certi sarà ricca di soddisfazioni. L’anno scorso i numeri hanno premiato il nostro territorio grazie anche alla straordinaria qualità offerta da chi lavora nel settore e noi ci impegneremo a fare in modo che anche quest’anno i turisti siano molti, con positive ricadute in termini di ricchezza del territorio e delle imprese e di opportunità di lavoro. Per questo nei prossimi giorni presenteremo a Milano la stagione turistica, che sarà davvero ricca a partire dalla Pasqua per proseguire con i ponti di primavera del 25 aprile, del 1° maggio e del 2 giugno per arrivare alla lunga estate con una serie di iniziative molto belle legate alla cultura e all’intrattenimento. Sarà una stagione turistica davvero ricca”. Così il presidente della Regione Giovanni Toti nel messaggio pubblicato sui social per rivolgere i propri auguri di Pasqua ai cittadini liguri.

“In questi primi mesi del 2024 – ricorda il presidente Toti - abbiamo cercato di dare una mano alle famiglie liguri, soprattutto a quelle che hanno maggiori difficoltà anche a causa dell’inflazione che ha inciso negativamente sugli stipendi. Abbiamo cercato di dare una mano alle mamme che vogliono proseguire una carriera di lavoro, agli studenti che si svegliano presto per andare a scuola e lo abbiamo fatto attraverso una serie di misure importanti, mai così ampie: dagli asilo nido gratuiti fino ai treni gratis o scontati del 50% per tutti i ragazzi che vanno a scuola o all’università e poi, ancora, con la riduzione delle tasse regionali per la maggior parte dei contribuenti liguri, in particolare per chi ha un reddito fino a 28mila euro e non pagherà più le tasse regionali ma solo la minima addizionale Irpef nazionale. Anche grazie a queste misure – prosegue - stiamo lavorando per sostenere una Liguria sempre più votata da un lato alla crescita, garantendo ai liguri di poter rimanere qui a coltivare le proprie ambizioni, e, dall’altro, alla solidarietà, per non lasciare indietro nessuno, soprattutto chi vive un momento di difficoltà”.

“Voglio quindi augurare davvero a tutti i cittadini una giornata di Pasqua ricca di serenità, da trascorrere magari conoscendo meglio qualcuno dei nostri borghi nell’entroterra o le nostre spiagge premiate con le Bandiere e Blu e soprattutto – conclude Toti - assaporando gli ottimi prodotti della tradizione ligure”.

‘Common Ground’, in arrivo in Liguria 2,4 milioni ministeriali per contrastare il lavoro irregolare

Super User 30 Marzo 2024 617 Visite

Assegnati a Regione Liguria 2,4 milioni di euro per la seconda fase di, il progetto interregionale di supporto all'integrazione sociale, sanitaria, abitativa e lavorativa di cittadini di paesi terzi vittime e potenziali vittime di sfruttamento lavorativo.

L'iniziativa, a valere su risorse PON Inclusione, intende prevenire e contrastare forme di distorsione del mercato del lavoro in tutti i settori attraverso interventi di protezione sociale e interventi attivabili nell'ambito dei servizi per il lavoro, promuovendo lavoro dignitoso, sicuro e legale. Per raggiungere tale fine, Regione Liguria è inserita in un partenariato multiregionale composto da Piemonte (capofila), Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

"Lo sfruttamento è un fenomeno complesso e trasversale che deve essere affrontato contemporaneamente su più fronti, in modo che ci sia un coordinamento efficace degli interventi in essere - spiega l'assessore regionale all'Immigrazione Alessio Piana - Con questa nuova iniziativa il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha inteso rafforzare un'azione sinergica e complementare a quelle messe in atto fino ad ora nelle regioni e province autonome del centro nord dove il fenomeno dello sfruttamento lavorativo è presente anche in settori diversi da quello agricolo, in modo da contrastare il lavoro irregolare, il lavoro sommerso, il caporalato e lo sfruttamento lavorativo".

Per raggiungere questo obiettivo ciascuna delle cinque Regioni (capofila e partner) ha provveduto a individuare i soggetti partner per la realizzazione delle attività progettuali di propria competenza. Il partenariato locale di Regione Liguria è composto da: Comune di Ventimiglia (Conferenza dei Sindaci ASL 1), Comune di Savona (Conferenza dei Sindaci ASL 2), Comune di Genova (Conferenza dei Sindaci ASL 3), Comune di Chiavari (Conferenza dei Sindaci ASL 4), Comune di Sarzana (Conferenza dei Sindaci ASL 5) e Liguria Ricerche (società in house di Regione Liguria). Il progetto avviato con fase 1 a settembre 2022 cuba complessivamente, a livello regionale, 2 milioni e 750 mila euro e terminerà, salvo proroghe, il 31 marzo 2025.

Pasqua da tutto esaurito a Genova e alle Cinque Terre, Toti: “Dati ottimi malgrado previsioni meteo”

Super User 30 Marzo 2024 549 Visite

“La Liguria è pronta ad accogliere le festività pasquali con un’offerta turistica che spazia dalla costa all’entroterra, dall’enogastronomia alle attività outdoor, fino ai tanti eventi culturali che animano le città. Il mese di aprile inizia nel migliore dei modi per albergatori e ristoratori: sold-out alle Cinque Terre e a Genova. Secondo quanto riferiscono direttamente gli operatori, i dati sono positivi anche nelle altre province, dove in media oltre l’80% delle strutture risulta occupato per almeno due notti, con evidenti ricadute positive su tutte le attività legate all’accoglienza. I numeri più contenuti rispetto alla Pasqua dell'anno scorso sono dovuti a due fattori che incidono su tutta Italia: le festività anticipate e le previsioni di meteo incerto. Elementi che hanno ridimensionato le prenotazioni e determinato qualche disdetta soprattutto nelle località a vocazione prettamente balneare, ma che non hanno scoraggiato gli appassionati di agriturismo e ittiturismo, come confermano i dati di Coldiretti sulle circa 600 destinazioni liguri a tema". Questo il commento del presidente della Regione Giovanni Toti sui dati riferiti dagli operatori relativi alle presenze turistiche nel periodo di Pasqua.

"Il turismo sorride alla Liguria - prosegue Toti - che diventa meta di interesse tutti i mesi dell’anno, segno che le politiche di promozione del territorio, investimento, miglioramento della nostra offerta stanno funzionando bene. Continueremo a lavorare sulla promozione, nella consapevolezza che il turismo costituisce un asset strategico per l’economia della nostra regione”.

"Con le vacanze Pasquali entriamo nel vivo della stagione turistica, che proseguirà coi ponti di primavera e andrà avanti per tutta l'estate – aggiunge l’assessore regionale al Turismo Augusto Sartori -. Le prospettive per il 2024 sono positive visto anche l'andamento nei primi mesi dell'anno: vogliamo ripetere e, perché no, superare l'exploit del 2023 quando in Liguria abbiamo avuto oltre 16 milioni di presenze di turisti. I nostri operatori sono pronti ad accogliere gli ospiti in strutture ricettive in cui trovare accoglienza, professionalità e fascino, sottolineato dai tanti eventi di successo. A tal proposito ricordo che in questo fine settimana tornano i 'Treni del Mare', come da un paio di anni in forma raddoppiata rispetto al passato, con 26 collegamenti in più dalla Lombardia e 18 dal Piemonte”. 

"Boom di prenotazioni per tutto il comparto di agriturismo, enoturismo ed oleoturismo - prosegue il vice presidente della Regione con delega all'Agricoltura e al Marketing territoriale Alessandro Piana - grazie alla riscoperta del valore storico, ambientale ed enogastronomico del nostro entroterra, dove sono nate così tante produzioni tipiche. Cucina a km 0 protagonista, a fare da preludio ad una stagione estiva promettente per il turismo sostenibile e slow, con grande crescita anche sul fronte pescaturismo ed ittiturismo, settore da due anni in forte espansione grazie alla dinamicità dei nostri pescatori e a politiche settoriali mirate".

 

I NUMERI

Sarà una Pasqua da tutto esaurito alle Cinque Terre, che confermano la loro attrattività sull'utenza internazionale: a Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore la media di prenotazioni oscilla tra il 98 e il 99% per gli alberghi e tra il 92 e 93% per le altre soluzioni di alloggio. Ciò significa che il turismo alle Cinque Terre occupa la quasi totalità della capacità ricettiva di quel territorio. 

Numeri in crescita rispetto al 2023 nella città di Genova, sempre più punto di riferimento per eventi, storia e cultura. Qui le strutture ricettive risultano occupate oltre il 92% con una permanenza minima di due notti. Genova si conferma meta di turismo internazionale, con turisti in arrivo da tutto il mondo.

Nel Golfo del Tigullio molto bene Sestri Levante, Santa Margherita e Rapallo, che viaggiano parallele con un’occupazione delle strutture pari all’80% della disponibilità. Anche in questo caso, come per le Cinque Terre, la permanenza minima è di due notti.

Nell’Imperiese è Sanremo a trainare il turismo in questo avvio di stagione, forte delle iniziative di promozione lanciate con il Festival della Canzone italiana, con l’80% di occupazione su una media di oltre 250 strutture. Si assestano tra il 70 e l’80 per cento le località turistiche più votate al turismo balneare. Si attende l'arrivo di italiani, in particolare da Piemonte e Lombardia, con presenze importanti anche da Francia e Svizzera.

Nella provincia di Savona ottimi risultati nelle principali località turistiche votate anche alle attività outdoor, con dati che sottolineando l’interesse verso l’entroterra. A Finale Ligure, per esempio, l’occupazione media delle strutture supera l’82%. Anche ad Alassio e Varazze la disponibilità delle camere nelle strutture ricettive è inferiore al 20%.

Nel Savonese i soggiorni sono più brevi e risentono maggiormente dell’incertezza del meteo. I turisti arrivano principalmente dalle regioni limitrofe, con l’eccezione molto positiva di Finale Ligure, attrattiva per i biker tedeschi, svizzeri, francesi.

Un dato che emerge in tutte le province riguarda l’ottimismo per le prossime festività di primavera, per le quali hanno già ricevuto molte richieste anche di soggiorni lunghi a cavallo tra i due ponti del 25 aprile e 1° maggio. Attesa, come per il 2023, una presenza importante di turisti stranieri.

Ristorazione e cabaret, il ricco cartellone della Trattoria Barisone parte con Balbontin

Super User 30 Marzo 2024 525 Visite

Parte con Enrique Balbontin il denso cartellone di appuntamenti, sospeso tra cibo e cabaret, che caratterizzerà molte delle serate di aprile della Trattoria Barisone 1945 di via Siracusa 2 a Sestri Ponente.

Non è un caso che il dissacrante artista savonese, oggi più che mai sulla cresta dell'onda con il suo nuovo spettacolo e la presenza sugli schermi televisivi con alcuni dei personaggi che lo hanno reso celebre, torni a calcare il palcoscenico del ristorante sestrese sabato 6 aprile alle 21:00.

Balbontin, infatti, è un gradito ritorno da Barisone dove, ogni volta, riscuote un incredibile successo di pubblico da parte dei molti che abbinano una cena raffinata a risate garantite.

Nel corso della sua carriera, che spazia dal teatro al cinema, passando per la televisione, Balbontin ha dimostrato grande abilità nell'interpretazione di personaggi complessi e nella trasmissione di emozioni autentiche. La sua versatilità e la sua presenza magnetica lo hanno reso un volto noto e amato dal pubblico.

Durante la serata, oltre alle battute di Balbontin, si ha la possibilità di degustare il menù proposto dalla Trattoria Barisone. Una serata all'insegna del divertimento e della buona cucina. Per informazioni e prenotazioni, è possibile contattare Barisone al numero 347 2219579 o 010 6049863.

Sampierdarena, entro aprile al via i lavori di riqualificazione dei voltini di via Buranello

Super User 30 Marzo 2024 520 Visite

 

Partiranno entro il mese di aprile i lavori per la riqualificazione dei voltini ferroviari e delle nicchie sotto l’arcata ferroviaria in via Buranello, a Sampierdarena. È quanto è emerso durante la commissione consiliare V – Sviluppo economico, alla presenza dell’assessore al Commercio e Artigianato Paola Bordilli.

«La riqualificazione dei voltini è un’opera importantissima non solo per Sampierdarena, ma per l’intera città, attesa da tanti anni – ha detto l’assessore Bordilli nel suo intervento in commissione - Andiamo a colmare un vuoto urbano composto da tanti singoli spazi vuoti. Dal confronto col territorio, col Municipio e con le associazioni di categoria e i loro CIV è arrivato l’input a far sì che i voltini potessero essere destinati a più funzioni, dal sociale al commerciale, e per questo obiettivo abbiamo lavorato». L’assessore Bordilli ha chiarito alcuni dettagli tecnici. «Come Comune abbiamo in comodato d'uso gratuito 23 voltini e 34 nicchie. Su queste ultime, di circa 4 metri quadrati di dimensione, abbiamo ipotizzato, ad esempio, di destinarne 2 per il teatro Modena per dare visibilità alla sua programmazione, 7 al servizio di Amiu come ecopunti che andrebbero a levare ben 30 bidoni attualmente presenti, liberando importanti posti da destinare a parcheggi. Altre nicchie, per esempio, potranno essere destinate a bikesharing, altre come vetrine a servizio dei voltini commerciali limitrofi. Sui 23 voltini siamo andati, grazie alla disponibilità e professionalità dei tecnici comunali e dei progettisti, ad individuare una ottimale soluzione: la progettazione e realizzazione di moduli funzionali all’inserimento non solo di attività associative, ma anche commerciali». Nell’ultima riunione di giunta, su proposta del vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi, è stato approvato il progetto definitivo per la riqualificazione dei voltini, finanziato da 5 milioni e mezzo di euro del Pnrr, che si inserisce nel quadro più complessivo del Piano urbano integrato di rigenerazione del quartiere di Sampierdarena.

L’assessore Bordilli, in commissione, ha anche annunciato altri incontri programmati in merito. «Ringrazio il collega Piciocchi per il grande lavoro svolto con i suoi uffici – ha dichiarato l’assessore Bordilli - I lavori partiranno nel mese di aprile e saranno suddivisi in lotti di cui il primo sarà da piazza Vittorio Veneto sino all'incrocio con via della Cella. Ho dato disponibilità anche per illustrare questi aspetti a maggio in commissione consiliare del Municipio – ha aggiunto l’assessore Bordilli - . Ora ci aspetta un lavoro in parallelo su più fronti per garantire il prima possibile la riqualificazione di questa importante via. I voltini interessati dalla funzione commerciale saranno quelli più verso piazza Vittorio Veneto per poi andare a destinare gli altri, più vicini al Centro Civico Buranello, alle funzioni associative. Gli incontri svolti e che svolgeremo come Comune con Municipio, Associazioni e Civ sono serviti per condividere tutte queste progettualità, per dare risposte al territorio su come riqualificare questa zona che da anni necessitava di un intervento che potesse finalmente andare a colmare vuoti e sanare il degrado».

L’assessore Bordilli ha anche ricordato che l’area di Sampierdarena è già attiva l’Intesa commerciale sulle nuove attività, rispondendo a precisi requisiti sulla qualità, sulle delimitazioni di pregio indicate dalla Soprintendenza.  Inoltre, l’assessore Bordilli ha ipotizzato che nel mese di settembre, in vista del termine dei lavori a fine anno, potrà essere aperto il bando per i voltini.

Ogni modulo che sarà inserito nei voltini sarà un prefabbricato, montato in opera, coibentato e isolato. I voltini saranno dotati di finiture, cablaggio per la rete, impianti di aereazione, riscaldamento, illuminazione, bagni piastrellati e intonacati. È stato anche previsto uno spazio per consentire le ispezioni da parte dei tecnici di Rfi che annualmente si svolgono. La cantierizzazione a lotti è stata pensata per evitare disagi alla viabilità e partirà da piazza Vittorio Veneto. I lavori dureranno 12 mesi complessivamente.

Palazzo Ducale, attivisti di ‘Bruciamo tutto’ coprono le opere di Artemisia Gentileschi

Super User 29 Marzo 2024 605 Visite

“Solidarietà a Palazzo Ducale, dove questa mattina le attiviste del movimento il cui nome è tutto un programma "Bruciamo tutto" hanno coperto con dei teli neri alcune opere all’interno della mostra di Artemisia Gentileschi e imbrattato pavimenti e pareti”. Così il presidente e assessore alla Cultura di Regione Liguria Giovanni Toti, commentando il gesto compiuto oggi da un gruppo di attiviste al Palazzo Ducale.

“Un modo di esprimere il dissenso che condanniamo fermamente perché l’arte non va mai censurata, anche se una mostra non piace. Non è con gesti violenti e incivili che si combatte violenza e inciviltà. E vale anche per la violenza di genere. Anzi, forse in particolare per la violenza di genere. Un’opera e il luogo che le ospita non sono un tiro a segno ma rappresentano il lavoro, i sacrifici e l’impegno di tante persone”, conclude Toti.

TARI, Amiu gestirà tutti i servizi correlati al tributo sulla tassa dei rifiuti

Super User 29 Marzo 2024 853 Visite

Da martedì 2 aprile, AMIU Genova S.p.A. gestirà tutti servizi correlati alla gestione del tributo relativo alla tassa dei rifiuti, la TARI. Attraverso il numero verde AMIU 800.95.77.00 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 18) con l’opzione telefonica dedicata sarà possibile ricevere informazioni di carattere generale e fissare un appuntamento telefonico con un operatore.

Le richieste di informazioni e le pratiche potranno essere trasmesse tramite la casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per le pratiche relative agli avvisi di pagamento TARI ordinari (acconto, saldo e conguagli), per nuove iscrizioni, cessazioni e variazioni, rateizzazioni, riduzioni, agevolazioni ed esenzioni.

Per solleciti di pagamento, avvisi per omesso pagamento Tari, avvisi per omessa denuncia Tari, richieste di rateazione su avvisi di accertamento, rettifica, annullamento avvisi di accertamento, sgravi di cartelle di pagamento su avvisi di accertamento annullati si dovrà usare solo la mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

È sempre a disposizione dei cittadini anche lo sportello di via Gabriele D’Annunzio, 75, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e il mercoledì anche dalle 14-16, dove è possibile avere informazioni, chiedere duplicati o prenotare appuntamenti.

L’accesso allo sportello, presentandosi con tutta la documentazione necessaria, sarà consigliato dall’operatore del numero verde nel caso la pratica non sia stata risolta al telefono o tramite le altre modalità da remoto.

I cittadini e i professionisti che hanno prestato il proprio consenso all’utilizzo degli indirizzi telematici riceveranno direttamente alla propria pec tutto il materiale amministrativo Tari (es.: acconto, saldo e comunicazioni varie).

Tutte le informazioni sono inoltre disponibili sui siti del Comune di Genova alla sezione tasse e tributi alla voce Tari (https://smart.comune.genova.it/tasse%20e%20tributi ) e di AMIU  Genova S.p.a. al link https://www.amiu.genova.it/tari/tari-genova/

Luca Costi nuovo segretario di Confartigianato Genova: “Massimo impegno per promuovere le microimprese”

Super User 29 Marzo 2024 579 Visite

“Ho ritenuto opportuno nominare Luca Costi quale segretario della nostra associazione, vista la positiva esperienza nel suo ruolo regionale ed in una logica di integrazione e razionalizzazione del nostro sistema Confartigianato. Una ristrutturazione che porterà la nostra associazione a rispondere in una modalità sempre più proattiva alle esigenze delle microimprese artigiane, che rappresentano un importante tessuto economico della provincia genovese”. È questo il commento del presidente di Confartigianato Genova, Felice Negri in occasione della nomina di Luca Costi quale segretario provinciale di Genova.

Luca Costi, 61 anni, sposato con un figlio, svolge il ruolo di segretario regionale di Confartigianato dal 1990 ed ha incarichi in commissioni e consulte d’impresa. Seguirà quindi anche l’artigianato genovese che ha chiuso il 2023 con un totale di 22.264 microimprese artigiane attive, con 10.944 microimprese attive nel settore costruzioni e 3.447 realtà nel settore manifatturiero.

“Ringrazio il presidente Negri per la fiducia riposta nei miei confronti - commenta il neo segretario provinciale Costi - ed assicuro il massimo impegno per promuovere ed assistere il mondo delle microimprese genovesi, così come fatto, negli anni, con quelle liguri”.

Rsa Doria, la ‘Stanza del viaggio’ stimolerà la memoria degli ospiti con decadimento cognitivo

Super User 29 Marzo 2024 557 Visite

È stata allestita presso l’Rsa Doria di Genova Struppa, gestita dalla Asp Emanuele Brignole, la “Stanza del Viaggio”, il presidio medico pensato per generare un beneficio senza ausilio di farmaci nei soggetti affetti da decadimento cognitivo moderato. Attraverso l’arredo di un locale a riproduzione di uno scompartimento del treno degli anni ‘70/’80, in cui su di uno schermo vengono trasmesse le immagini di un viaggio, si va a stimolare la memoria a lungo termine degli ospiti, riattivando, attraverso un uso prolungato, alcuni ricordi ancora presenti e che portano ad una diminuzione degli stati d’ansia. La “Terapia del Viaggio” permette, con un uso costante, la gestione dei momenti di stress di alcuni ospiti e, al contempo, un netto miglioramento della qualità della permanenza in struttura dovuto ad una quotidianità più articolata delle attività di routine della Rsa. All’inaugurazione hanno preso parte, tra gli altri, anche l’assessore regionale alla Sanità Angelo Gratarola e l’assessore alle Politiche socio sanitarie del Comune di Genova Lorenza Rosso.

“Iniziative come la ‘Stanza del Viaggio", in grado di offrire nuovi stimoli e attività, sono preziose per migliorare la qualità della vita dei pazienti – commenta il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti – È infatti importante affiancare alle terapie farmacologiche e alle cure assistenziali delle misure che siano utili a riportare alla mente ricordi ed emozioni, in modio da rendere più piena e vivace la permanenza nella Rsa Doria, che con questa novità si conferma ancora una volta un’eccellenza della sanità ligure. Un ringraziamento anche al Rotary Club, che ha sostenuto con forza ed impegno questa iniziativa”.

“La ‘Stanza del Vaggio’ ha molteplici sfaccettature – spiega Marco Sinesi, commissario straordinario di Asp Emanuele Brignole - Da una parte per noi è un mezzo fondamentale per dare cura e attenzione al benessere dei nostri ospiti. Ma è anche dimostrazione di una ricerca costante di tutto ciò che innovazione in ambito sanitario, nella volontà di attuare, nel più breve tempo possibile, un percorso di apertura verso un territorio che ha fortemente bisogno di soluzioni per i pazienti fragili. Siamo certi di poter essere fiore all’occhiello di Regione per ciò che è sanità pubblica attraverso questi progetti. Siamo grati a Regione Liguria che, attraverso il presidente Giovanni Toti, dimostra fiducia nelle nostre attività. La partecipazione all’inaugurazione anche dell’assessore alla Sanità Angelo Gratarola indica la volontà delle istituzioni di coadiuvare la diffusione di questi progetti su tutto il territorio; la presenza anche dell’assessore comunale alle Politiche sociosanitarie, Lorenza Rosso conferma la partecipazione del Comune di Genova alle iniziative della nostra struttura sanitaria. Le associazioni del territorio, che da sempre operano nel sociale per aiutare i fragili, saranno informate di tutti i progressi che si faranno per ampliare il bacino di utenza di questo presidio medico”.

Il presidio, installato a cura dell’azienda Generali Arredamenti di Gianpaolo Bucchioni, è stato realizzato grazie ai Club Rotary R.C. Golfo di Genova (capofila del Progetto) R.C. Genova Ovest, R.C. Golfo Paradiso, R.C. Centro Storico, R.C. Genova, R.C. Genova Est, R.C. Genova Nord Ovest, R.C. Genova Sud Ovest, R.C. Genova San Giorgio, e il contributo del Rotary Distretto 2032. Grazie alla sinergia creata con il presidente del Rotary Club Golfo di Genova, Carlo Minuto, Asp E. Brignole è giunta ad una pianificazione di un progetto che non vede solo un contributo economico da parte dei Club, ma anche una collaborazione fattiva durante la messa in opera della terapia non farmacologica, attraverso le consulenze dei professionisti presenti nelle varie realtà Rotary.

La “Stanza del Viaggio” è un’iniziativa è in linea con la missione del fondatore dell’Albergo dei Poveri, Emanuele Brignole, che è sempre stata quella di dare un’opportunità ai più fragili. Attraverso RSA Doria, l’Asp Emanuele Brignole si occupa delle persone anziane nella ferma volontà di rendere la loro permanenza in struttura serena. Tutto il personale si adopera costantemente con competenza e dedizione nell’assistenza degli ospiti; in quest’ottica, si cercano le soluzioni più innovative per coadiuvare il percorso della terapia farmacologica con altre opportunità assistenziali.

Stop dell’Anac alla nuova diga, Toti: “Questo è il momento di remare tutti nella stessa direzione”

Super User 29 Marzo 2024 742 Visite

“Ben comprendo il disappunto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti circa il parere di Anac sulla Diga di Genova. In un momento in cui l’intero Paese dovrebbe remare nella stessa direzione e privilegiare il raggiungimento degli obiettivi strategici, sembra che qualcuno non riesca ad evitare di privilegiare la forma alla sostanza, la burocrazia al risultato, il ricorso ‘contro’ alla collaborazione ‘per’”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti in merito al parere espresso da Anac.

“La diga di Genova - prosegue Toti - è un’opera straordinaria da cui dipende la competitività del nord ovest. È un’opera che vede impegnati fianco a fianco Ministero, Regione, Comune, Autorità Portuale. È un’infrastruttura richiesta da tutte le imprese che operano nella logistica del primo porto italiano. Nelle procedure di aggiudicazione dell’appalto non vi sono zone d’ombra, né vi è la possibilità di alcun danno erariale. Ma qualcuno in Italia continua a lavorare secondo l’intollerabile principio della “pratica burocratica perfettamente svolta, l’opera non è stata fatta”.

“Noi restiamo convintamente orientati ad una pubblica amministrazione che produca meno carta bollata e più infrastrutture. Così abbiamo costruito il Ponte per Genova, così la Liguria si sta modernizzando e per questo - conclude il presidente della Regione Liguria - saremo al fianco del Governo e del ministero delle Infrastrutture su qualsiasi iniziativa che semplifichi la vita del paese”, conclude il governatore.

Genova3000 TV

Genova3000 TV

Notizie

Levante

Cultura

Spettacoli

Sport

Gossip

Genova Sport 2024